Price cap a gas per elettricità, Von der Leyen apre

Price cap a gas per elettricità, Von der Leyen apre
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 5 Ottobre 2022, 20:00
(Teleborsa) - "Siamo pronti a discutere l'introduzione di un tetto massimo al prezzo del gas utilizzato per la produzione di energia elettrica". Lo scrive la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, in una lettera indirizzata ai leader Ue in vista del vertice informale di Praga.


Von der Leyen ha anche proposto "di lavorare assieme con gli Stati membri per sviluppare un intervento per limitare i prezzi del gas nel mercato del Gnl", aggiungendo che l'indice Ttf non è più rappresentativo". La presidente dell'Esecutivo Ue ha quindi esortato I Paesi membri e le società importatrici a "intensificare i negoziati con i fornitori affidabili per ridurre i prezzi del gas importato di ogni tipo", e confermato che "la Commissione esaminerà le fonti di finanziamento complementari per aumentare la potenza di fuoco di RePowerEu".


Intanto, l'Ue ha varato un nuovo pacchetto di sanzioni contro la Russia. Un tetto sul prezzo del petrolio importato dalla Russia e nuovi divieti di importazione di merci, tra cui componenti tecnologici ed elettronici: è quanto prevede, tra le altre cose, il nuovo round di sanzioni nei confronti della Russia, l'ottavo dall'inizio dell'invasione dell'Ucraina, che secondo la Commissione Europea, dovrebbero privare la Russia di 7 miliardi di euro di ricavi ogni anno, che colpirebbero soprattutto l'industria bellica russa.

Esprimendo la propria soddisfazione per l'accordo raggiunto, la presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen ribadisce, via social, che l'Ue non accetterà "mai i referendum farsa di Vladimir Putin, né alcun tipo di annessione" del territorio ucraino alla Russia. "Siamo determinati a far sì che il Cremlino continui a pagare" per le sue azioni, conclude.


Linea ribadita dall'Alto rappresentante dell'Ue per la Politica estera, Josep Borrell."Gli Stati membri hanno concordato l'ottavo pacchetto di sanzioni. Con questo limitiamo ulteriormente le capacita' di esportazione e le importazioni della Russia che alimentano la macchina da guerra di Putin. Siamo sulla corsia preferenziale per liberarci dalla dipendenza energetica russa. Sosteniamo l'Ucraina". E' quanto si legge in un tweet.

Intanto, arriva subito la contromossa di Mosca. La Russia smetterà di fornire petrolio ai Paesi che stanno imponendo il price cap. E' quanto ha annunciato il vice premier russo Aleksandr Novak, secondo quanto riferisce la Tass, nel giorno in cui l'Ue ha annunciato il via libera all'ottavo pacchetto di sanzioni per la guerra in Ucraina che comprende, come detto, il price cap al greggio russo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA