Nutri-score si allarga il fronte del no, anche la Spagna contraria

Il ministro Stefano Patuanelli
2 Minuti di Lettura
Giovedì 25 Novembre 2021, 19:03

L'Italia riesce a segnare un punto, probabilmente determinante, per bloccare la riforma europea del nutri-score. Nell'elenco dei Paesi contrari sarebbe definitivamente entrata anche la Spagna. Con Madrid sarebbe a questo punto raggiunta una maggioranza "di blocco" della riforma. Ad annunciarlo è stato direttamente il ministro delle Politiche agricole Stefano Patuanelli.

"Il ministro spagnolo", ha detto Patuanelli intervenendo al Glocal Economic Forum di Esg89, "ha confermato che ormai la posizione  della Spagna è di profonda criticità rispetto al nutri-score, l'adesione della  Spagna rappresenterebbe la fine del nutri-score, perché con questa alleanza abbiamo creato la minoranza di blocco. Anche in Francia i produttori finalmente si sono accorti dei rischi che anche loro corrono contro questa assurdità del   semaforo sul cibo. La dieta mediterranea è patrimonio dell'umanità ed è un valore assoluto".  

Intervistato dall'AdnKronos, il ministro Patuanelli ha anche spiegato che come il Nutriscore "sia un sistema che non dà
informazioni ai cittadini ma fa condizionamento di mercato, quindi quello che rischia il nostro Paese dal punto di vista economico è tanto. Rischiamo un appiattimento della produzione agroalimentare», ha osservato l'esponente M5S. «Non bisogna rinunciare all'idea di una etichettatura europea unificata e obbligatoria, ma quell'etichetta deve dare informazioni ai cittadini e non condizionarli», ha concluso Patuanelli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA