CORONAVIRUS

Coronavirus, mutui: ecco il modulo per la sospensione SCARICA

Lunedì 30 Marzo 2020 di Andrea Bassi
1
Il modulo

Il governo accelera sulla sospensione dei mutui per la prima casa per i lavoratori dipendenti e le partite Iva previsto dal decreto Cura Italia per affrontare l'emergenza Coronavirus. Il ministero dell'Economia ha reso disponibile il modulo per la domanda. A presentare richiesta di sospensione potranno essere coloro che hanno perso il lavoro, o hanno avuto una sospensione per almeno 30 giorni (per esempio dovuta alla Cassa integrazione).

CLICCA QUI per scaricare il modulo

Per i lavoratori autonomi e ai professionisti la sospensione è possibile a patto che abbiano subito un calo del proprio fatturato superiore al 33% rispetto al fatturato dell’ultimo trimestre 2019. 

I mutui ad essere sospesi sono quelli fino a un importo massimo di 250 mila euro. 

La sospensione è possibile fino a 18 mesi

Per facilitare e velocizzare ulteriormente le procedure, il nuovo modello, reperibile sui siti del Dipartimento del Tesoro del Ministero dell’Economia e delle Finanze, di Consap e dell’Abi, potrà essere compilato direttamente online ed inviato secondo le modalità indicate da ciascuna banca.

Non è più richiesta la presentazione dell’indicatore della situazione economica equivalente (ISEE); è possibile beneficiare anche per chi ha già fruito in passato della sospensione (purché l’ammortamento sia ripreso da 3 mesi); è stato previsto che il Fondo sopporti il 50% degli interessi che maturano nel periodo della sospensione.

Per ottenere rapidamente la sospensione del mutuo il cittadino, in possesso dei requisiti previsti per l’accesso al Fondo e che si trovi nelle situazioni in cui è previsto l’intervento dello stesso, deve prendere contatto con la banca che ha concesso il mutuo, la quale dietro presentazione della documentazione necessaria procede alla sospensione del finanziamento.

Ultimo aggiornamento: 31 Marzo, 09:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani