InPa, invio delle domande prorogato fino a mezzanotte (per reclutare 1.000 esperti del Pnrr): ecco come iscriversi

InPa, invio delle domande prorogato fino a mezzanotte (per reclutare 1.000 esperti del Pnrr): ecco come iscriversi
di R. Ec.
4 Minuti di Lettura
Lunedì 6 Dicembre 2021, 15:50 - Ultimo aggiornamento: 16:28

Nell'ultimo giorno utile per inviare le candidature ed essere selezionati tra i 1.000 esperti del Pnrr, è boom di richieste sul portale InPa Visto l’enorme afflusso di traffico registrato nelle ultime ore, con decine di migliaia di domande spedite, il termine per partecipare all'avviso è stato posticipato dalle 14 alla mezzanotte di oggi, 6 dicembre. Ieri sera e questa mattina la piattaforma creata dal ministero della Pubblica amministrazione era andata in tilt. Vari i disagi segnalati dagli utenti sui social: da chi non riesce ad accedere e se accede viene buttato fuori dal sito, a chi vede errori di connessione. 

Brunetta e Severino all'Aquila: «Qui la scuola di formazione per la Pa». Precari, ok per sisma e Inps

InPa, tantissime domande per la piattaforma legata al Pnrr

Quelli che cerca la Pubblica amministrazione sono mille tra ingegneri, architetti, biologi, chimici, fisici, esperti giuridici, digitali e gestionali, informatici, statistici, agronomi, geologi, geometri. Tutti utili a mettere a terra i progetti europei. Fino a ieri mattina bastavano pochi clic sul Portale per il reclutamento Inpa per fare domanda, in maniera intuitiva e immediata. Gli stipendi previsti arrivano fino a 100mila euro. «È una grandissima occasione, ha detto, fate presto».aveva spiegato qualche giorno fa il ministro Renato Brunetta, aggiungendo che «questi sono i primi, perché arriveranno circa un milione di persone in cinque anni».

La task force dei mille, prevista dal Pnrr e disciplinata nel decreto legge 80 del 2021, avrà il compito di sostenere le amministrazioni territoriali nelle attività di semplificazione, nel recupero dell'arretrato e nel miglioramento dei tempi effettivi di conclusione delle procedure. Le Regioni hanno già inviato i fabbisogni al

Dipartimento della Funzione pubblica, che provvederà ora a fornire loro un coerente elenco di professionisti ed esperti, selezionati attraverso inPa in base al curriculum e alla zona di attività, per facilitare le procedure comparative per l'attribuzione degli incarichi.

Per creare queste "squadre di pronto intervento Pnrr" agli enti territoriali coinvolti sono è stata fornita una dote pubblica di 320,3 milioni di euro.

Come iscriversi a inPa

Il portale inPA offre potenzialmente 5,6 milioni di cv a cui si aggiungono i 15 milioni di iscritti a LinkedIn, con cui è stata siglata una partnership. Il portale garantisce l'aggiornamento sulla pubblicazione di nuovi bandi e avvisi di selezione e di potersi candidarsi online, in modo molto immediato.Grazie a diversi protocolli d’intesa, inoltre, inPA può avvalersi anche delle banche dati dei professionisti iscritti agli Albi e di quelle relative professioni non ordinistiche.

Inps e Pa, si entra solo con lo Spid (ma l'85% degli over 65 non ce l'ha)

Gli utenti possono tornare a registrarsi a inPA usando le credenziali personali, caricando i propri dati, il percorso formativo, le specializzazioni, le competenze e le esperienze professionali. Basta compilare il profilo professionale e accedere utilizzando l’identità digitale (Spid, cie o cns) per completare la registrazione. Dalla propria area riservata, quindi, sarà possibile disporre ogni funzione dedicata e gestire tutto: avvisi, bandi, candidature, ricerche, procedure concorsuali e procedure fast track.

La scrematura dei curricula

Una volta scaduti i nuovi termini per la presentazione delle domande, grazie a InPA saranno generati gli elenchi dei professionisti ed esperti con profilo coerente con quello degli avvisi. Elenchi che saranno inviati alle Regioni. Che entro il 31 dicembre dovranno individuare i professionisti cui conferire l’incarico. 


Statali, arriva un miliardo per la formazione. Concorsi in 90 giorni

A fare una prima scrematura dei curricula caricati su InPa dai candidati, sarà direttamente il Dipartimento della Funzione pubblica. Per ogni profilo comunicherà poi alla Regione interessata quattro candidati selezionati in base alle competenze e alla zona di attività. Poi saranno direttamente le amministrazioni a scegliere tra i quattro candidati quello che ritengono più rispondente ai propri bisogni. Gli esperti e i professionisti saranno assunti con dei contratti di tre anni. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA