In rosso l'azionario europeo. Giù anche Piazza Affari

Mercoledì 24 Aprile 2019
(Teleborsa) - Giornata negativa per Piazza Affari e le altre principali Borse europee, depresse dall'indice IFO di aprile risultato inferiore alle attese.

Sostanzialmente stabile l'Euro / Dollaro USA, che continua la sessione sui livelli della vigilia a 1,121. Poco mosso l'Oro su 1.272,1 dollari l'oncia. Perde terreno il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che scambia a 65,82 dollari per barile, con un calo dello 0,72%.

Consolida i livelli della vigilia lo spread, attestandosi a +264 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona al 2,66%.

Tra gli indici di Eurolandia incolore Francoforte, che non registra variazioni significative rispetto alla seduta precedente, giù Londra, con una flessione dello 0,56%, pensosa Parigi, con un calo frazionale dello 0,32%.

Prevale la cautela a Piazza Affari, con il FTSE MIB che continua la seduta con un leggero calo dello 0,57%: il principale indice della Borsa di Milano prosegue in tal modo una serie negativa, iniziata giovedì scorso, di tre ribassi consecutivi; sulla stessa linea, in lieve calo il FTSE Italia All-Share, che continua la giornata sotto la parità a 23.823 punti. Leggermente negativo il FTSE Italia Mid Cap (-0,3%); poco sopra la parità il FTSE Italia Star (+0,26%).

In luce sul listino milanese i comparti tecnologia (+2,29%) e costruzioni (+1,11%). In fondo alla classifica, i maggiori ribassi si manifestano nei comparti materie prime (-1,34%), petrolio (-1,28%) e viaggi e intrattenimento (-1,24%).

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo STMicroelectronics (+2,53%) dopo i conti trimestrali, Buzzi Unicem (+1,00%), Amplifon (+0,84%) e Atlantia (+0,65%). I più forti ribassi, invece, si verificano su Juventus, che continua la seduta con -3,73%. Sotto pressione Diasorin, con un forte ribasso dell'1,77%. Soffre Telecom Italia, che evidenzia una perdita dell'1,32%.
Preda dei venditori ENI, con un decremento dell'1,32%.

Tra i protagonisti del FTSE MidCap, Carel Industries (+2,66%), Tinexta (+2,32%), Ascopiave (+1,62%) e Gima TT (+1,54%). Le peggiori performance, invece, si registrano su Credito Valtellinese, che ottiene -2,48%. Pessima performance per Piaggio, che registra un ribasso del 2,22%. Si concentrano le vendite su ASTM, che soffre un calo dell'1,57%. Vendite su Cattolica Assicurazioni, che registra un ribasso dell'1,42%. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Voti e pagelle, famiglie in tilt: «Ma con 5,78 passi lo stesso?»

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma