BPER chiude semestre con utile a 518,8 milioni euro

BPER chiude semestre con utile a 518,8 milioni euro
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 4 Agosto 2021, 20:30

(Teleborsa) - BPER chiude il primo semestre con un utile di 518,8 milioni, che comprende un utile netto di pertinenza di terzi pari a 17 milioni. L'utile della gestione corrente al lordo delle imposte risulta pari a 710,6 milioni. Al netto delle componenti non ricorrenti il dato è pari a circa 259,7 milioni.

"Il primo semestre ha visto la conclusione dell'importante progetto strategico che ha consentito al Gruppo BPER Banca di compiere un significativo salto dimensionale grazie all'ingresso delle 620 filiali del ramo acquistato da Intesa Sanpaolo, il cui processo di integrazione si è completato con successo", ha ricordato l'Amministratore Delegato Piero Luigi Montani, aggiungendo "grazie anche al contributo del ramo acquisito, i risultati si sono chiusi molto positivamente esprimendo una redditività ordinaria in crescita, trascinata soprattutto dall'aumento dei ricavi commissionali, supportati dal recupero dell'attività bancaria transazionale con la clientela e dai collocamenti di
prodotti del comparto del risparmio gestito e bancassurance".

Parlando del piano industriale 2022-2024, l'Ad ha sottolineato che "traccerà la strategia per una nuova fase di crescita del Gruppo, contribuendo al contempo ad accompagnare la ripresa economica nel Paese".

Nel semestre, il margine di interesse di BPER si attesta a 728,3 milioni, beneficiando del crescente contributo dell'attività commerciale di intermediazione con la clientela che nel semestre è pari a 632,2 milioni. Le commissioni nette raggiungono 734 milioni, supportate da un lato dal buon andamento del comparto della raccolta indiretta e bancassurance, il cui contributo ammonta a 326,6 milioni e dall'altro dalla ripresa in atto dell'attività bancaria tradizionale il cui apporto si attesta a 407,4 milioni. Il risultato netto della finanza si attesta a 119,7 milioni beneficiando degli utili derivanti dalle cessioni di attività finanziarie e della buona performance realizzata dai mercati.

I proventi operativi netti risultano pari a 1.598,4 milioni, mentre il risultato della gestione operativa si attesta a 487 milioni. Al netto delle componenti non ricorrenti il dato si attesta a 576,5 milioni.

Sotto il profilo patrimoniale, la raccolta diretta da clientela cresce a 98,5 miliardi (+56%). La raccolta indiretta è pari a 65,1 miliardi, anch'essa in forte crescita (+35,2%). All'interno dell'aggregato, la raccolta gestita aumenta a 63,2 miliardi (+47,9%), di cui 18,2 miliardi (+6,5%) relativi a Arca Holding al netto della quota di fondi collocata dalla rete del Gruppo BPER; il portafoglio premi assicurativi riferibile al ramo vita è pari a 18,9 miliardi (+158,8%); la raccolta amministrata si attesta a 83 miliardi (+15,2%).

In miglioramento anche la qualità del credito con un NPE ratio lordo al 5,7% in ulteriore riduzione nel secondo trimestre rispetto al 6,1% del 31 marzo 2021 che già registrava un significativo calo rispetto al 7,8% di fine 2020, grazie all'integrazione del ramo e all'efficacia dell'azione di derisking posta in essere

Quanto ai ratio patrimoniali al 30 giugno 2021, il Common Equity Tier 1 (CET1) ratio Fully Phased proforma al 13,5% (14,5% su base Phased-in proforma) in aumento rispetto al trimestre precedente di 10 p.b.; ampio buffer rispetto all'attuale requisito SREP pari all'8,125%.

© RIPRODUZIONE RISERVATA