Colonnine di ricarica per auto elettriche, come funziona il bonus: ecco a chi spetta e quando scade

C'è tempo fino al 31 dicembre 2022 per usufruire dell'incentivo

Colonnine di ricarica per auto elettriche, come funziona il bonus: ecco a chi spetta e quando scade
di Gi.Fr.
2 Minuti di Lettura
Lunedì 10 Ottobre 2022, 19:10

Si possono installare come lavori trainati del superbonus 110% (con un costo quindi totalmente gratuito), ma anche chi non sta usufruendo del superbonus può installare colonnine di ricarica per veicoli elettrici nel giardino di casa o in uno spazio condominiale con uno sconto consistente, fino all'80%. Lo ha previsto il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) del 4 agosto 2022 per il settore automotive, pubblicato in Gazzetta Ufficiale lo scorso 4 ottobre. A disposizione ci sono 40 milioni di euro, a valere sul fondo automotive, fino a fine 2022. L'incentivo va a sostituire e potenziare quello precedente del 50% scaduto a fine 2021.

Superbonus all’80% e solo per la prima casa. Salvi i lavori già iniziati

Colonnine di ricarica, la potenza standard 

Le colonnine incentivate devono essere di potenza standard (minori di 22 kW) per utenti domestici.

Beneficiari

Persone fisiche e condomini. In questo ultimo caso la delibera condominiale deve ottenere il via libera dalla  maggioranza degli intervenuti alla riunione e almeno un terzo del valore del caseggiato.

L'agevolazione

L'incentivo è pari all’80% del prezzo di acquisto e posa in opera, con dei limiti massimi: 1.500 euro per persona che ne fa domanda;  8mila euro per l’acquisto di infrastrutture di ricarica condominiali.

La somma sarà direttamente corrisposta dal Ministero dello Sviluppo Economico (MISE). 

I tempi

L'incentivo scade il 31 dicembre 2022. Ci sono quindi pochi mesi per decidere se fare o meno questo investimento. Ad oggi però mancano i decreti attuativi e quindi  non si conoscono ancora le modalità operative per la trasmissione della domanda.

© RIPRODUZIONE RISERVATA