Biometano, Gruppo CAP: costo calmierato del 45% alle aziende pubbliche partner del Comune di Milano

Biometano, Gruppo CAP: costo calmierato del 45% alle aziende pubbliche partner del Comune di Milano
4 Minuti di Lettura
Venerdì 26 Novembre 2021, 16:45

(Teleborsa) - In controtendenza all'importante rincaro dei costi dell'energia a livello globale, il Gruppo CAP, gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano, ha stretto un accordo con AGESP, Gruppo AMGA, Acque Novara e Sun Novara, per fornire biometano a un costo calmierato del 45% alle aziende pubbliche partner.

Si tratta – spiega il Gruppo in una nota – di biocarburante generato dai fanghi di depurazione presso l'impianto di depurazione di Bresso-Niguarda, il cui impiego consente di ridurre drasticamente le emissioni di anidride carbonica (CO2) dell'85% rispetto ai veicoli a benzina. In tre mesi, fino al 31 gennaio, verranno erogati fino a 100mila kg di biometano per consentire ai mezzi di trasporto di percorrere oltre 2milioni di Km con un grande vantaggio per l'ambiente e i costi pubblici. Il biometano a km 0 prodotto dall'utility lombarda è caratterizzato da un valore aggiunto non solo ambientale, ma anche economico: i costi di produzione del biocarburante da fonti rinnovabili non risentono, infatti, dell'andamento irregolare dei mercati esteri, delle dinamiche geopolitiche e delle speculazioni finanziarie.

"A fronte dell'aumento del prezzo del gas naturale sui mercati internazionali, riteniamo fondamentale supportare le aziende pubbliche del territorio con iniziative concrete – commenta Alessandro Russo, presidente e amministratore delegato di Gruppo CAP –. La riduzione delle emissioni fossili è al centro del nostro Piano di Sostenibilità, che si declina proprio nelle tante iniziative di economia circolare realizzate in questi anni, tra le quali spicca l'impianto di produzione di biometano presso il depuratore di Bresso-Niguarda dove nel 2018 è nato il primo impianto certificato di biometano generato dai reflui fognari. La fornitura di biocarburante a prezzi calmierati testimonia il nostro impegno a contribuire fattivamente agli obiettivi di decarbonizzazione, focus al centro dell'agenda di COP26 a Glasgow".

In seguito all'accordo le aziende socie di Neutalia; AGESP, gestore del servizio di Igiene Ambientale nel Comune Busto Arsizio; Gruppo AMGA, azienda che fornisce servizi di pubblica utilità ai Comuni dell'Alto Milanese e del Magentino; Acqua Novara.VCO, azienda che gestisce il servizio idrico integrato in 140 Comuni delle Province di Novara e del Verbano Cusio Ossola; e l'azienda partecipata Sun Novara, specializzata nel trasporto pubblico della Città di Novara; fino al 31 gennaio 2022 potranno acquistare presso i punti di distribuzione su Legnano e Novara gestiti da Green Fuel Company, partner italiano che opera nel settore della distribuzione e commercio di combustibili gassosi, il biometano prodotto da CAP al costo di 1,149 euro con una riduzione del 45% rispetto ai prezzi di mercato.

In 3 mesi saranno erogati fino a 100mila kg di biometano a un costo vantaggioso, quantitativo che permetterà – spiega il Gruppo CAP – di percorrere da parte dei mezzi pubblici come bus, veicoli aziendali di servizio e camion della nettezza urbana circa 2,4 milioni di km a basso impatto ambientale. Fino a oggi, nei tre impianti di distribuzione gestiti da Green Fuel Company a Milano (Via Santa Rita da Cascia, 41), Brescia (Via Labirinto, 390) e Legnano (Via per Busto, 33/A), caratterizzati dalla presenza di vele che riportano il marchio di Gruppo CAP, sono già stati erogati 975.400 kg biocombustibile, che hanno permesso a circa 1.190 veicoli di percorrere quasi 24 milioni di km, in media 20mila km per vettura.

"Il biometano che produciamo dal 2016 presso l'impianto di Bresso rappresenta una delle più importanti sfide ambientali intraprese dall'azienda – spipega Russo –. Quando è nata la sperimentazione in collaborazione con FCA (Fiat Chrysler Automobiles) e il CNR-IIA (Istituto di Inquinamento Atmosferico), non esisteva una normativa che prevedesse la produzione di biometano dagli scarti dei depuratori. I risultati ci hanno dato ragione: dopo aver dimostrato l'alta qualità del prodotto estratto dai fanghi, siamo arrivati a una produzione su scala industriale e ai primi 3 punti di distribuzione, che possiamo definire a Km 0. Ma è solo l'inizio: nel 2023 la produzione di biometano dalla FORSU aumenterà esponenzialmente".

CAP prevede infatti l'aumento esponenziale della produzione di biometano. Nel 2023, quando entrerà in funzione la nuova Biopiattaforma, polo di economia circolare che CAP sta costruendo a Sesto San Giovanni, – fa sapere il Gruppo – le 30mila tonnellate di FORSU provenienti dai Comuni di Sesto San Giovanni, Pioltello, Cormano, Segrate, Cologno Monzese e Cinisello Balsamo, saranno trasformate in 1.568.000 kg all'anno di biometano che servirà ad alimentare 2.050 vetture percorrendo più di 40 milioni di chilometri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA