ALITALIA

Alitalia, Ferrovie lasciate sole da Tesoro e soci pubblici

Lunedì 1 Aprile 2019 di Umberto Mancini

Fs si sente sempre più sola nel salvataggio di Alitalia. Abbandonata dalle altre imprese pubbliche - Fincantieri, Poste, Eni e Leonardo - che avevano prima assicurato, anche se in via informale, il loro impegno finanziario nella costituzione della newco, per poi sfilarsi e lasciar cadere la trattativa appena l'ad di Ferrovie, Gianfranco Battisti, ha chiesto di stringere il cerchio, di chiudere siglando l'accordo finale. Del resto, il gruppo dei treni deve fare i conti anche con le timidezze del Mef che non si è mai dichiarato particolarmente convinto di un impegno diretto nel capitale della nuova Alitalia. Anzi. Proprio il ministro Giovanni Tria ha vissuto male il pressing del vice premier Luigi Di Maio che, come si ricorderà, aveva chiesto un coinvolgimento forte dell'Economia nella partita. A giugno scade però il termine per la restituzione del prestito da 900 milioni e dunque anche al Tesoro dovrebbero spingere per trovare una soluzione che dia una prospettiva di sviluppo ad Alitalia. Il vettore, nonostante gli sforzi di razionalizzazione dei costi, il rinnovo della Cig (a carico dei contribuenti) e la puntualità da record, continua a perdere in media 25 milioni di euro al mese.

LO SCHEMA
Anche Cdp, tanto per mettere in fila tutti gli ostacoli da superare, non appare poi troppo entusiasta di finanziare l'acquisto di nuovi aerei di lungo raggio per supportare la strategia della compagnia tricolore. A questo quadro - non favorevole in vista della scadenza di Pasqua - si deve aggiungere il recente ultimatum dei commissari straordinari che, in una audizione in Parlamento, hanno intimato proprio a Fs di chiedere una proroga motivata o, in alternativa, di lasciare precipitare il vettore al suo destino, cioè la procedura di messa in liquidazione. Un invito tutt'altro che istituzionale viste le difficoltà oggettive, dopo la rinuncia di easyJet, a trovare uno o più partner da affiancare agli americani di Delta Airlines. La carta di China Eastern è infatti debolissima, così come quella dell'ingresso di Fondi d'investimento internazionali. Al momento il vettore Usa è disposto ad arrivare al 10-15%, investendo circa 150 milioni, il 30% andrebbe, come noto, a Fs, mentre il Mef, convertendo una parte del maxi prestito, si porterebbe al 15%. Insomma, si arriverebbe al 60%. La restante quota del 40% è tutta da piazzare. Battisti ha infatti ripetuto fino alla noia che l'operazione Alitala deve essere «di mercato, con un profilo industriale ben preciso per il rilancio della compagnia». Nessun intervento di tipo assistenziale che, tra l'altro, sarebbe bocciato dalla Ue, e nessuna volontà di compromettere i conti di Fs per far da paracadute ad Alitalia. Il tempo scorre però velocemente ed entro il 20 aprile l'ad vuole chiudere il dossier, sono infatti esclusi nuovi rinvii dopo gli slittamenti degli ultimi mesi.

Per questo si lavora sotto traccia con l'obiettivo di trovare, a fianco di Delta, un altro partner industriale privato. L'identikit resta sempre quello di Atlantia, ma il gruppo ha smentito al momento di essere interessato. Le avances sono comunque pressanti, ma c'è da superare l'ostracismo dei 5Stelle, mentre il Tesoro sarebbe ben felice di avere un nuovo socio di peso nella newco. Di certo al Mef non sono disposti a mettere sul piatto altre soldi, visto che Alitalia è costata ai contribuenti circa 9 miliardi. Resta - in caso di fallimento - l'ultima carta. Quella legata a Lufthansa. I tedeschi si sono ritirati ufficialmente perché non vogliono siglare una «partnership col governo». La presenza dello Stato, attraverso Ferrovie, viene considerata un ostacolo insormontabile. Per Carsten Spohr, l'ad del gruppo, l'unica strada è avere la maggioranza. Ipotesi praticamente impossibile, ma che potrebbe riprendere forza in caso di un avvitamento della crisi dopo Pasqua (il prestito ponte è destinato ad esaurirsi dopo l'estate). I tedeschi sono convinti che Delta punti in fondo solo a perdere tempo per poi approfittare della situazione e fare così un favore all'alleato Air France, spiazzando ancora una volta la Cenerentola-Alitalia.
 

Ultimo aggiornamento: 11:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Chiamare il 112 svedese e scoprire che è peggio di quello di Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma