Gloria Satta
SUPERSTAR di
Gloria Satta

Il sorriso di Gambineri e la tv professionale, gentile che non c'è più

Giovedì 1 Giugno 2017
12
La morte di Anna Maria Gambineri, storica “Signorina Buonasera” della Rai, dispiace per due motivi: perché è scomparsa una professionista gentile, coscienziosa, volto rassicurante e molto amato dagli italiani; e perché con Gambineri se n’è andata per sempre la tv del sorriso, dell’eleganza, dell’understatement. Caratteristiche, queste, che appartenevano alla Rai del passato e che nel presente della tv degli insulti, dei fuori onda rivelatori e proditori, della volgarità spalmata su tutte le fasce e su tutti i programmi sembrano riguardare ere geologiche lontane.
Ieri Gambineri e le sue colleghe non si vergognavano di venire chiamate annunciatrici, leggevano i programmi e le previsioni del tempo, perfino l’ora esatta con la levità di chi è contento di fare il proprio lavoro e di farlo il meglio possibile. Riservatissime nella vita privata, non finivano sulle copertine a causa di amanti veri o presunti, o in tenute scollacciate. Erano orgogliose di rappresentare il volto della Rai che ancora poteva considerarsi servizio pubblico.
Oggi il caso Insinna, ultimo in ordine di tempo, e le liti da osteria che hanno costellato una trasmissione che pretendeva di essere elegante come “Ballando con le stelle”, danno il quadro esatto della situazione. Siamo caduti in basso, molto in basso, e forse nemmeno una nuova “Signorina Buonasera” dotata di garbo e buona volontà potrebbe aiutare la tv pubblica a risalire la china.
  Ultimo aggiornamento: 12:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA