Andrea Andrei
POST di
Andrea Andrei

La grandezza (dimenticata) di chi dedica la vita alla scienza

Martedì 4 Febbraio 2020 di Andrea Andrei
È triste dirlo, ma forse ci voleva una situazione di emergenza come quella che stiamo vivendo a causa del coronavirus per farci aprire gli occhi. Anzi, per farceli bagnare, una volta tanto. Chi l'ha detto infatti che ci si può commuovere in una calda sala da concerto e non in un freddo laboratorio? La notizia di domenica dei progressi fatti allo Spallanzani di Roma, dove il team di virologi capitanato dalla dottoressa Concetta Castilletti è riuscito in sole 48 ore a isolare il virus, è la più bella che da parecchio tempo sia arrivata per questo Paese.

Ma non è un successo solo dell'Italia e della sua riconosciuta eccellenza in ambito scientifico. È un successo della scienza e soprattutto degli scienziati. È un successo che rimarca la grandezza delle donne e degli uomini che dedicano la loro vita al sapere, allo studio, alla competenza. È la bellezza dell'essere umano che vive nel mondo e lo osserva, che si emoziona davanti a un tramonto ma che poi si chiede come faccia il sole a creare quell'effetto magico. È l'altra faccia della tecnologia, non quella epicurea dei social network, ma quella di chi, senza bisogno di riflettori e lustrini, tende al progresso, rendendo possibile a tutti di vivere una vita migliore, permettendo a chiunque (anche a chi la scienza la disdegna) di poter godere dell'arte, degli affetti, delle cose belle. Il ringraziamento migliore, per queste persone, non sono i like o gli applausi. Basterebbe che ci ricordassimo di questo.

andrea.andrei@ilmessaggero.it Ultimo aggiornamento: 16:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA