COVID

Vaccino anti-Covid, carenza di scimmie per la sperimentazione: la crisi dietro lo sviluppo del siero salva vita

Martedì 23 Febbraio 2021
Carenza di scimmie per sviluppare i vaccini anti Covid: cosa c'è dietro il siero che salva vite umane

La ricerca anti Covid-19 ha bisogno di scimmie per sviluppare vaccini in contrasto alla pandemia, dal momento che il DNA di questi animali ricorda da vicino, più di qualsiasi altro, quello degli esseri umani. Ma una carenza a livello globale di scimmie per la sperimentazione, dovuta dalla domanda inaspettata causata dall'avvento della pandemia, è stata aggravata da un recente divieto di vendita di fauna selvatica del principale fornitore di animali da laboratorio: la Cina.

A portare alla luce questo scenario è il racconto, riportato dal New York Times, di Mark Lewis, amministratore delegato di Bioqual. Il signor Lewis, era responsabile della fornitura di scimmie da laboratorio ad aziende farmaceutiche come Moderna e Johnson & Johnson, ed è ora alla disperata ricerca di primati che possano contribuire a salvare tante vite umane nel mondo, nello sviluppo di vaccini anti Covid-19.

Vaccino, Confapi: privacy non ostacoli sicurezza e attività produttive

Quando il coronavirus ha invaso gli Stati Uniti l'anno scorso, c'erano poche scimmie allevate appositamente in qualsiasi parte del mondo ed ora l'amministratore di Bioqual si dice incapace di fornire agli scienziati scimmie per la ricerca. «Abbiamo perso il lavoro perché non siamo riusciti a fornire gli animali nel lasso di tempo», ha detto al New York Times. 

La recente carenza di questi primati, che possono costare più di $ 10.000 ciascuno, ha rianimato negli Stati Unitii discorsi sulla creazione di una riserva strategica di scimmie che costituirebbe una fonte di emergenza simile a quelle mantenute dal governo per beni di prima necessità come petrolio e grano.

L'emergere di nuove varianti accresce, infatti, il bisogno di continuare a lavorare allo sviluppo di vaccini efficaci: uno sviluppo forse reso presto impossibile dall'assenza di scimmie da laboratorio, importate per lo più dalla Cina in epoca pre-Covid. Prima della pandemia, la Cina ha fornito oltre il 60% dei 33.818 primati, per lo più macachi cynomolgus, importati negli Stati Uniti nel 2019, secondo le stime degli analisti basate sui dati dei Centers for Disease Control and Prevention.

Congo, la polveriera africana: 25 anni di guerra fra petrolio, metalli e gorilla

Come riporta il NYTimes, gli scienziati americani avrebbero cercato strutture private e finanziate dal governo nel sud-est asiatico e nelle Mauritius, alla ricerca di stock dei loro soggetti preferiti, macachi rhesus e macachi cynomolgus, noti anche come macachi dalla coda lunga. Ma nessun paese può compensare ciò che la Cina ha fornito in precedenza.

Dall'inizio della pandemia negli Stati Uniti, circa 600/800 macachi rhesus dalla faccia rosa sono stati oggetto di ricerca sul coronavirus. Esemplari ideali questi, secondo i ricercatori, per la ricerca sui vaccini contro il coronavirus, prima che vengano testati sugli esseri umani, in quanto condividono più del 90% del DNA umano. Inoltre grazie alla loro simile biologia, questi animali possono essere testati con tamponi nasali e sottoposti a scansione polmonare. Gli scienziati dicono che è quasi impossibile trovare un loro sostituto per testare i vaccini anti Covid-19.

La pandemia ha sconvolto quella che era stata una relazione decennale tra scienziati americani e fornitori cinesi. «Quando il mercato cinese ha chiuso, ciò ha costretto tutti a rivolgersi a un numero inferiore di animali disponibili», ha affermato Lewis. «La nostra idea era una specie di riserva petrolifera strategica», ha detto il professor Bohm. «La riserva strategica delle scimmie è esattamente ciò di cui avevamo bisogno per affrontare Covid, e semplicemente non ce l'avevamo», ha detto Keith Reeves, un ricercatore principale presso il Center for Virology and Vaccine Research presso la Harvard Medical School. Ma una riserva di questo tipo potrebbe comunque non essere ancora sufficiente, se si considera che anche in Cina, con una scorta controllata dal governo di circa 45.000 scimmie, i ricercatori affermano di essere alle prese con una carenza di primati.

Scimmia appena scoperta è già rischio di estinzione nel Myanmar. Guarda il langur Popa

Gli scienziati americani affermano di ottenere il massimo da ogni animale, ma le scimmie infettate da Covid-19 non possono essere riportate a vivere tra altri animali sani e devono essere infine soppresse.

«Ora, non è nemmeno una questione di soldi», «non abbiamo nemmeno scimmie da vendere all'estero», ha detto Yan Shuo, direttore delle vendite Hubei Topgene Biotechnology, azienda che si occupa del loro allevamento. Il ministero degli Esteri cinese ha affermato in una dichiarazione: «Una volta che la situazione internazionale migliorerà e le condizioni per le importazioni e le esportazioni saranno soddisfatte, la Cina prenderà attivamente in considerazione la possibilità di riprendere l'approvazione di importazione ed esportazione e altri lavori correlati».

I partecipanti del panel organizzato dal National Institutes of Health nel dicembre 2018, in cui gli scienziati hanno discusso le sfide che devono affrontare la fornitura di primati in America, avevo dichiarato «che la necessità di allevare macachi cynomolgus a livello nazionale è essenziale e potrebbe mettere a repentaglio la ricerca biomedica negli Stati Uniti nel suo complesso, se non soddisfatta».

© RIPRODUZIONE RISERVATA