Roma, strage di tartarughe al parco. Le associazioni: «Chi sa, parli»

Una delle testuggini uccise (immag diffuse dall'associazione Earth Odv su Fb)
di Remo Sabatini
2 Minuti di Lettura
Sabato 16 Aprile 2022, 14:38

"Chi sta uccidendo le tartarughe del parco Calimera?". Se lo chiedono i residenti di Torre Angela, quartiere periferico della capitale, così come i volontari di Earth Odv, l'organizzazione di tutela ambientale che si occupa di salvaguardia animale. Nel piccolo parco, infatti, si ripetono macabri ritrovamenti. Ad oggi, come sottolineato dall'associazione, sono ben sette, le testuggini trovate senza vita. Brutalmente uccise, sono state rinvenute con il carapace spaccato in due. Cosa ci facevano delle testuggini esotiche in un parco romano? Stando a quanto riportato da residenti e dalla stessa associazione, nel corso degli anni, nel laghetto del parco, sono state abbandonate una quantità di piccole tartarughine della specie Trachemys scripta (tartaruga palustre americana).

"Una specie, sottolinea Earth, di cui oggi è vietata la vendita e la detenzione illegale ma che, per decenni è stata liberamente venduta nei mercatini così come nelle fiere". Così, comprate per pochi spiccioli, le tartarughine finivano nelle case dove, però e una volta cresciute, avrebbero trovato ben presto la via dell'abbandono. "Vittime di abbandoni sconsiderati, ha commentato Valentina Coppola presidente di Earth, infine oggetto di sfogo per sadici giochi messi in atto da qualche pericoloso deviato". Anche e soprattutto per questo, è stato lanciato un appello volto a trovare i colpevoli del gesto criminale: "Chi sa, parli". La tartaruga palustre americana è una piccola testuggine che, in natura, può arrivare a vivere fino a 30 anni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA