Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Duecento orsi condannati a morte in Slovenia: «Sono troppi». La protesta delle associazioni: «Strage senza senso»

Orso bruno sloveno (immag social diffusa da Maribor 24)
di Remo Sabatini
3 Minuti di Lettura
Martedì 16 Agosto 2022, 20:34 - Ultimo aggiornamento: 18 Agosto, 19:09

Ormai è deciso. Oltre duecento orsi bruni saranno giustiziati entro il prossimo settembre. La drammatica notizia che arriva dalla Slovenia, è stata diffusa dall'associazione Alpe Adria Green che, nei mesi scorsi, aveva intentato una battaglia legale contro la decisione del Ministero competente del Paese che aveva deciso di sfoltire il numero degli esemplari di orso bruno presenti sul territorio.

Una strage «senza senso»

Una sforbiciata che, ad oggi, significherebbe il taglio netto di ben 222 individui dei circa mille presenti nel Paese. Perché uccidere centinaia di esemplari? Possibile non vi sono altre strade per salvare capra e cavoli? Queste alcune delle questioni messe in campo dalle associazioni che già dal febbraio scorso, si erano adoperate per tentare di scongiurare una strage definita «senza senso». Si perché, secondo le norme, il ricorso all'uccisione di un orso, è l'estrema ratio messa in campo in situazioni di assoluta emergenza quali, ad esempio, la dimostrata pericolosità di un esemplare reo di attacchi deliberati contro l'uomo. «Possibile, si chiedono gli animalisti, che improvvisamente vi siano più di duecento orsi killer?».

La risposta a questa così come alle altre questioni sollevate per scongiurare la strage, è arrivata con la conferma della sentenza che, stando a quanto riportato da Alpe Adria Green e Maribor 24, l'organo di stampa locale che ha diffuso le immagini che proponiamo, potrebbe avvenire anche tramite fucilate individuali. Così, mentre il conto alla rovescia per l'inizio delle operazioni è partito, gli animalisti si chiedono il senso dei «bear watching» safari fotografici con protagonisti gli orsi, promossi in quel Paese. Pagati profumatamente dagli amanti della fotografia naturalista, ogni anno attirano migliaia di turisti. Tra questi, c'è persino chi si azzarda in un assaggio di carne di orso stufato cucinato al ristorante. Ma questa, è un'altra storia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA