Il cane pastore mette il lupo in fuga: le incredibili immagini riprese dalle telecamere

Venerdì 6 Settembre 2019 di Remo Sabatini
2
Il lupo a caccia di notte, scacciato da un cane pastore (immagini e video per gentile concessione di Antonio Liberatore)
I predatori amano cacciare di notte. Non fa eccezione il lupo che, come illustrato dalle incredibili immagini riprese da Antonio Liberatore, approfitta del buio per cercare di sorprendere la preda. E allora eccole, quelle immagini che, riprese con l'ausilio di una fototrappola, documentano una scena che in pochi, soprattutto di notte, hanno avuto il privilegio di osservare. Siamo nell'area delle Mainarde Molisane, la catena montuosa che si estende lungo il confine tra Lazio e Molise. È ancora notte fonda, l'orologio segna le 4,35 del 1 settembre e alle prime luci dell'alba, manca ancora un bel po'.

Rieti, due lupi avvistati in Sabina

Improvvisamente, la camera si attiva, qualcosa deve aver attraversato il suo campo visivo. Infatti, tempo un paio di secondi, quel qualcosa si manifesta. È un lupo. Annusa l'aria ed il terreno, segue le tracce di chissà che cosa. Probabilmente sa già che, in quella zona, ci sono animali e mandrie, forse qualche carcassa. Circospetto, come d'abitudine, si avvicina. Ormai è a pochi metri dall'obiettivo di quella fototrappola che ignora. Poi, accade qualcosa di inaspettato. Un grosso cane pastore, si avventa minaccioso e, per nulla intimorito, lo sfida. Il povero lupo, colto di sorpresa, tenta una timida reazione e per il tempo di un battito di ciglia, i due si guardano.


A questo punto, chi si sarebbe aspettato un attacco del lupo e la coda tra le gambe del cane che batte in ritirata, resta deluso. Sì, perchè alla fine, dopo quella breve schermaglia, il super predatore protagonista di molte storie esagerate, ha pensato bene di evitare una pericolosa battaglia che, probabilmente e nella migliore delle ipotesi, lo avrebbe visto soccombere. Così, con calma, decide di allontanarsi Fuga? Per un predatore, soprattutto se solitario, rimanere feriti potrebbe significare non essere più in grado di poter cacciare nè difendersi. Anche per questo, la scelta di quel lupo, dettata dalla natura, è stata senza dubbio la migliore, almeno in quella occasione. E il cane? Certamente è tornato a fare quello che sa fare meglio, la guardia.

D'altronde, custodire un allevamento di bestiame brado, non è cosa da tutti. "Ho sempre sostenuto che il successo di un allevamento di bestiame brado, dipenda dall'efficenza dei cani da guardania, spiega il veterinario della Azienda Sanitaria della Regione Molise Antonio Liberatore, che ci ha concesso le rare immagini. Ho assisitito più volte alla difesa della mandria da parte dei cani da pastore abruzzesi ma non mi era mai riuscito di documentarne l'azione.

Stavolta, la fototrappola lo ha fatto per me". A difesa di quella mandria che aveva in qualche modo incuriosito il lupo, ci sono tre cani, così come, precisa ancora Liberatore, "erano stati tre i lupi intervenuti ripetutamente nell'arco di pochi giorni. Inoltre, quei cani, conclude, hanno respinto anche uno o più orsi". Referente di diversi progetti di conservazione dell'Orso Marsicano, il Liberatore è esponente della organizzazione no-profit Salviamo l'Orso. Le fototrappole vengono utilizzate per operazioni di monitoraggio e studio della fauna selvatica. Ultimo aggiornamento: 7 Settembre, 10:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Gli straordinari delle maestre con gli stracci per pulire l’aula

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma