Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Plastica nei wurstel della Conad e vetro nel tiramisù al caffé Bontà Divina: ritirati dai supermercati

In entrambi i casi il ministero della Salute invita i clienti a non consumare i prodotti e riconsegnarli nei punti vendita dove sono stati acquistati.

Plastica nei wurstel della Conad e vetro nel tiramisù al caffé Bontà Divina: ritirati dai supermercati
2 Minuti di Lettura
Lunedì 15 Agosto 2022, 17:54 - Ultimo aggiornamento: 20 Agosto, 16:14

Il ministero della Salute ha richiamato due prodotti dai supermercati italiani. Si tratta dei wurstel di puro suino della Conad, all'interno dei quali sarebbero stato trovati dei piccoli frammenti di plastica, e dei tiramisù al caffé Bontà Divina dove sarebbero stati segnalati dei frammenti di vetro. La nota del ministero è del 12 agosto e i due prodotto sarebbero già stati eliminati dagli scaffali.

Il richiamo dei wurstel Conad

La stessa Conad ha dato notizia del richiamo dei wurstel sul proprio sito: «Informiamo i clienti del richiamo in via precauzionale dei seguenti lotti di produzione dei prodotti: WURSTEL PURO SUINO 2X250G CONAD e WURSTEL PURO SUINO 250G CONAD - Lotto 20/10/2022 - Scadenza 20/10/2022 - cod. EAN 8003170086661 - prodotto per Conad da Grandi Salumifici Italiani Spa. Nei lotti è stata riscontrata una non conformità (possibile presenza di piccoli frammenti di plastica). Al fine di scongiurare qualsiasi possibile rischio per la salute, i clienti che fossero in possesso del prodotto appartenente al medesimo lotto sono invitati a riportarlo al punto di vendita Conad dove è stato acquistato, che provvederà alla sostituzione con altro prodotto o al rimborso. Ci scusiamo per il disagio arrecato».

 

In entrambi i casi il ministero della Salute invita i clienti a non consumare i prodotti e riconsegnarli nei punti vendita dove sono stati acquistati. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA