Lo Street Food invade il Tuscolano, al via la seconda edizione del Festival

Roma International Street Food
di Roberta Savona
2 Minuti di Lettura
Venerdì 2 Novembre 2018, 16:55 - Ultimo aggiornamento: 17:12

Sono stati costretti a posticipare l'inizio dell'abbuffata da strada di un giorno, a causa della pioggia battente: così i romani appassionati di cibo da strada si sono dati appuntamento a stasera venerdì 2 novembre, per aprire la seconda edizione del Roma International Street Food, il festival che mette d'accordo tutti i palati con un'ampia selezione di proposte culinari provenienti da molte parti del mondo. Circa duecentomila persone hanno affollato Piazza San Giovanni Bosco durante la passata edizione che, l'organizzatore Alfredo Orofino, auspica possano tornare a far visita ai circa trenta truck food in esposizione, vincendo la paura del maltempo e affidandosi alla forza del proprio languore. Così, dal 2 al 4 novembre il quartiere Tuscolano, dalle 12.00 a mezzanotte sarà una vera e propria cucina a cielo aperto, in cui sosteranno i truck food selezionati dall'Associazione M.A.S., con il patrocinio del Municipio VII del Comune di Roma. Una grande attenzione all'evento è confermata anche dalla forte viralità dell'evento, che rimbalza sui social collezionando like e partecipazioni.


 
Tre i punti cardine del programma: cucina, birra artigianale e divertimento. Dalle specialità tipicamente regionali come i siciliani pani ca'meusa, arancini, pane e panelle, cassatine e cannoli, si passa agli arrosticini abruzzesi o alle olive ascolane in più gusti, per poi giungere ai fritti napoletani e romani, seguiti dal classico carciofo alla giudia e dalla porchetta dei castelli. E poi ancora in Puglia, con le bombette di Alberobello, i rustici leccesi o le orecchiette e i panzerotti baresi. E come non provare il panino con il maiale di cinta senese o quello con polpo alla griglia? Una variegata proposta made in italy, a cui si accostano i prodotti e leproposte fusion inedite, tra cui spiccano il fantomatici BBQ made in U.S.A., o le paelle e le sangrie spagnole, alternate a dell'ottima cucina messicana o a della saporita carne argentina. Tra un pasto e l'altro, innaffiare il tutto con della birra artigianale è il consiglio della casa, che offre dalle cerveze spagnole alle lager o strong americane, passando per una proposta inedita dalla Repubblica Ceca, fino ad uno spazio ad hoc studiato per i produttori romani, toscani e siciliani appassionati della bevanda più antica del mondo. Non solo cibo ma anche divertimento, con gli artisti di strada che animeranno i succulenti pasti onstreet degli avventori, che assisteranno all'arrivo di saltimbanchi, giocolieri e trampolieri che con le loro irriverenti esibizioni scalderanno l'atmosfera della piazza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA