Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ex politico guarisce dal Covid ma viene ucciso dalle complicazioni

Ex politico guarisce dal Covid ma viene ucciso dalle complicazioni
di Patrizio Iavarone
1 Minuto di Lettura
Sabato 25 Settembre 2021, 07:51

Morto per Covid Vincenzo La Cesa, ottantasette anni noto personaggio politico di Pescasseroli. La Cesa è morto l’altro giorno all’ospedale San Salvatore dell’Aquila dove era stato ricoverato dopo essere rimasto contagiato dal Covid, nonostante la doppia dose di vaccino. Aveva in realtà superato la fase dell’infezione, avendo negativizzato il virus, ma le sue condizioni di salute, già compromesse da patologie pregresse legate ai polmoni, non gli hanno consentito di uscire dall’ospedale.

Una morte che ha suscitato grande cordoglio a Pescasseroli, dove La Cesa aveva ricoperto il ruolo di vicesindaco nella gestione di Nicola Vitale, quella di consigliere comunale e di presidente della Comunità montana Alto Sangro. Un pezzo di storia del paese e anche della Prima Repubblica: esponente della Dc, La Cesa è stato «un protagonista indiscusso della vita politica locale e regionale – ricorda l’assessore regionale Guido Quintino Liris – nonché un valido professionista». Revisore dei Conti e amministratore di condomini, "memoria storica di tutte le vicende di Pescasseroli e del territorio fin dal secondo dopoguerra" scrive l’amministrazione comunale. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA