Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Distrugge un auto in strada: arrestato e rilasciato, ci riprova il giorno dopo

Avezzano, ladro liberato dopo l'arresto torna a rubare
di Manlio Biancone
3 Minuti di Lettura
Giovedì 18 Agosto 2022, 08:14 - Ultimo aggiornamento: 10:38

«È stata una notte da incubo per me e mia moglie. Svegliati alle tre di notte dalle urla di un uomo che ha distrutto la nostra auto»: sono le parole del proprietario del mezzo. Straniero ubriaco, durante la notte distrugge un Fiat 500 parcheggiata in via Marruvio ad Avezzano. Fermato e portato in caserma, viene rilasciato e torna di nuovo a prendere di mira l'auto. «Paura e terrore- ha dichiarato il proprietario, noto personaggio avezzanese- l'auto è stata distrutta a calci e pugni. E mentre assaliva il mezzo urlava come un ossesso. Poi ha divelto il tappo della benzina e aspirava benzina. I carabinieri dai noi chiamati sono intervenuti subito e lo hanno fermato e portato in caserma in stato di arresto. Il magistrato di turno però non avrebbe convalidato il fermo e per questo è stato rilasciato ed è tornato di nuovo a distruggere l'auto. I militari sono tornati di nuovo per allontanarlo ma è rimasto nei paraggi fino alle sette».

A Tagliacozzo aggredito un carabiniere in pensione

Un episodio che ha allarmato l'intera strada del centro anche se poi l'intervento dei carabinieri ha riportato la tranquillità. È certo che lo straniero, denunciato per danneggiamento, era sotto gli effetti dell'alcool e della droga considerato che urlava e proferiva parole senza senso. È stato fermato ma il magistrato non ha ritenuto che ci fossero gli estremi per l'arresto.

Una vicenda che ripropone il problema della sicurezza in città che durante i mesi estivi ha assunto aspetti più preoccupanti. A Tagliacozzo invece un ex carabiniere in pensione ha denunciato A.M., poliziotto in servizio a Roma, per un aggressione che si sarebbe verificata ,l altra notte nei pressi dei maneggi. Non sono chiari i motivi della lite scoppiata tra il poliziotto, il carabiniere di Tagliacozzo in pensione già da qualche anno e suo figlio, da poco titolare di un'attività di maneggio.

Secondo la ricostruzione della vittima sarebbe volata qualche parola di troppo fino a quando il poliziotto si sarebbe scagliato violentemente contro l'ex carabiniere in pensione. Botte non solo per lui ma anche per il figlio. Sul posto sono accorse numerose persone anche perchè si tratta di una località popolatissima da turisti in questo periodo d'estate. Sul posto sono intervenuti i carabinieri, della stazione di Tagliacozzo e anche l'ambulanza del 118 che ha trasferito l'ex carabiniere al pronto soccorso di Avezzano. In ospedale per accertamenti è arrivato anche il figlio. L'ex militare è stato dimesso con 10 giorni di prognosi. Da indiscrezioni sembra che i motivi che avrebbero scatenato il diverbio e poi l'aggressione siano da collegarsi all'attività di maneggio.

Tra le due strutture ci sarebbe una certa rivalità che è sfociata appunto in questo episodio. Dopo la denuncia presentata dall'ex carabiniere e dal figlio saranno i militari a ricostruire l'accaduto e a rimettere il rapporto alla Procura di Avezzano. L'episodio comunque ha destato interesse non solo perché sono rimaste coinvolte persone delle forze dell'ordine, ma anche perchè molto conosciute a Tagliacozzo.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA