L'Aquila: Torrione, quasi completato iter per l'impresa. Restauro inizio 2020

Venerdì 18 Ottobre 2019 di Marianna Galeota
L'AQUILA - Sarà avviato alla fine dell’anno o con maggiore probabilità all’inizio del 2020 il cantiere di restauro del Torrione e di riqualificazione dell’area circostante. La Fondazione Carispaq sta infatti procedendo in questi giorni con la selezione dell’impresa che si aggiudicherà i lavori e successivamente il Comune dovrà verificarne i requisiti, prima dell’avvio del cantiere. La manifestazione di interesse è stata chiusa lo scorso 28 giugno e i tempi si sono dilatati a causa delle ferie estive e soprattutto del cambio al vertice della Fondazione che ha visto la fine del mandato di Marco Fanfani e l’arrivo del nuovo presidente Domenico Taglieri e del nuovo consiglio d’amministrazione.
Un intervento che riqualificherà, ricostituendone l’aspetto attuale, il monumento del Torrione, simbolo di un intero quartiere che giace nel degrado da oltre 10 anni, dopo i danni causati dal sisma. L’area circostante, che oggi è stata transennata, sarà invece valorizzata con panchine con corpo illuminante, nuova pavimentazione e nuova illuminazione al led pensiline degli autobus in legno e una piccola fontanella. L’intervento costerà all’incirca 200 mila euro, fondi donati interamente dalla Fondazione Carispaq, e i lavori saranno possibili grazie alla sinergia tra la Fondazione, il Comune, la Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per l’Aquila e Cratere e l’Associazione nazionale costruttori della provincia dell’Aquila, presieduta da Aldolfo Cicchetti. L’Ance ha redatto e finanziato il progetto e dirigerà i lavori e l’ambito della sicurezza del cantiere.
«Per l’intervento sul Torrione è stata attuata la importante stessa sinergia del progetto del parco del Castello - afferma il presidente Taglieri - C’è stata infatti una proficua collaborazione tra la Fondazione, il Comune, la Soprintendenza e l'Ance in questi giorni - conclude il presidente Taglieri - In questi giorni stiamo completando la procedura di selezione dell'impresa e dopo le verifiche da parte del Comune della ditta selezionata, così come previsto dall' art 20 del codice degli appalti, potranno essere avviati i lavori. L'intervento di recupero del Torrione prevede la collaborazione dell'Ance nella progettazione, direzione lavori e come responsabile della sicurezza del cantiere, il tutto con la supervisione della Soprintendenza, mentre sarà propedeutico al cantiere stesso l'intervento di scavo ed indagine archeologica che si effettuerà con il coordinamento scientifico del professore Fabio Redi». A sollevare l’attenzione sul restauro del Torrione, abbandonato nel degrado dopo il sisma, è stato per la prima volta il gruppo civico Jemo ‘Nnanzi. «La riqualificazione di Parco del Castello con il recupero del sito archeologico del Torrione - conclude Taglieri -  rappresentano due interventi che restituiscono tutta la bellezza di due luoghi identitari e molto cari alla comunità aquilana».
  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma