Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Topi e insetti in due kebab: immediata chiusura, distrutti 500 chili di carne

Topi e insetti in due kebab di Pescara: immediata chiusura, distrutti 500 chili di carne
2 Minuti di Lettura
Lunedì 30 Maggio 2022, 13:28 - Ultimo aggiornamento: 13:29

I Nas di Pescara, nell’ambito dei controlli a ristoranti e fast food del capoluogo adriatico, hanno ispezionato due esercizi etnici, specializzati nella vendita di kebab, che versavano in pessime condizioni igienico sanitarie. La presenza diffusa di insetti infestanti, vivi e morti, persino nei frigoriferi, oltre alle tracce di roditori, hanno portato all’immediata chiusura di entrambi i locali, determinata dai Dipartimento di prevenzione della Asl, intervenuto sul posto. Le gravi condizioni e carenze igieniche, l’assenza di autocontrollo e rintracciabilità degli alimenti ha inoltre generato il vincolo per l’immediata distruzione, di circa 500 chili, di alimenti di origine animale.

Roma, cibo scaduto nei ristoranti del centro, fuorilegge 3 locali su 10: sequestrati 30 chili di alimenti


I controlli dei carabinieri per la tutela della salute, rientrano in una serie di attività ispettive in atto presso gli esercizi di ristorazione etnica, particolarmente frequentati dai giovanissimi, per garantire la sicurezza alimentare e prevenire ogni forma di tossinfezione alimentare che può essere determinata dal proliferare di batteri o dal contatto e contaminazione con superfici sporche o attinte da infestanti. I provvedimenti sospensivi emessi dalle autorità competenti, potranno essere rimossi solo ad avvenute disinfestazioni e ripristino delle necessarie idonee condizioni di igiene.

© RIPRODUZIONE RISERVATA