Il violoncellista aquilano Ruggiero in tournée in Brasile

Pierluigi Ruggiero al violoncello
di Sabrina Giangrande
2 Minuti di Lettura
Venerdì 3 Dicembre 2021, 17:49

L'AQUILA «Dopo quasi due anni il Brasile mi ha accolto di nuovo con tutti gli onori, sono oramai dodici anni di amore per questa meravigliosa terra che tanto mi ha dato. Giurato nel primo concorso internazionale per giovani talenti e professore per due giorni di master classes al Festival Internacional de Musica Mansueto Barbosa

A scriverlo, direttamente sulla sua pagina Facebook è Pierluigi Ruggiero musicista aquilano che ha iniziato a studiare musica all'età di nove anni e, come da lui stesso dichiarato, i suoi genitori vista la sua inclinazione gli regalarono un violoncello.

Come si legge nella sua biografia, presente sul sito ufficiale www.pierluigiruggiero.com; inizia lo studio di questo strumento «nel conservatorio dell’Aquila dove frequenta inoltre il corso di composizione con il maestro Paolo Arcà. Nel 1993 lascia la sua città natale e inizia a frequentare i corsi di violoncello e musica da camera con A. Baldovino, D. De Rosa, P. Farulli, A. Nannoni ed il corso speciale di Quartetto con M. Skampa, alla scuola di musica di Fiesole dove è per due anni membro dell’O.G.I. con cui ha occasione di suonare in importanti festival con direttori quali G. Sinopoli, C.M. Giulini, R. Muti

Numerosi sono i paesi dove il maestro Ruggiero si è esibito in prestigiose sale: Belgio, Svezia, Olanda, Inghilterra, Spagna, Francia, Germania, Ungheria, Serbia, Marocco, Turchia, Pakistan, India, Emirati Arabi, Arabia Saudita, Brasile, Canada, Stati Uniti, Australia, Nuova Zelanda e Giappone.

Cinque i recital della tournée brasiliana, appena conclusa, tenuti dal duo formato da Ruggiero e dal giovane pianista brasiliano Estefan Iatcekiw. «Iatcekiw- dice Ruggiero- curitibano, si è trasferito a Mosca per perfezionare gli studi al Conservatorio “P.I. Čajkovskij”. Ha 17 anni, potrebbe essere mio figlio, e sono stato felicissimo di affrontare con lui questa bellissima avventura umana e professionale di caratura internazionale».

I cinque recital: Florianopolis (Teatro Ademir Rosa), Balneario Camboriú (Teatro Municipal Bruno Nitz) Curitiba (Teatro Club Curitibano), Fortaleza (Teatro Celia Queiroz e Teatro da Fundação Vovò Dedè).

Sabrina Giangrande

© RIPRODUZIONE RISERVATA