Scheletro trovato a Teramo dopo la scomparsa di Daniele Taddei: il mistero di quell'auto invisibile dal 2014

Scheletro trovato a Teramo dopo la scomparsa di Daniele Taddei: il mistero di quell'auto invisibile dal 2014
di Tito Di Persio
1 Minuto di Lettura
Sabato 29 Dicembre 2018, 09:22 - Ultimo aggiornamento: 22:22

Si infittisce il mistero del ritrovamento in un canneto a soli 70metri dalla Sp11, a Tortoreto (Teramo), dell’auto una Nissan Micra con all'interno il corpo di Daniele Taddei, scomparso il primo agosto di 4 anni fa. Una vicenda che sta lasciando ombre e dubbi sull’allora svolgimento delle ricerche. Inizialmente si era pensato al suicidio per una delusione d’amore, ipotesi fatta dopo il ritrovamento, lo scorso 27 dicembre.

Poi lo scenario che ha fatto pensare a un incidente: l’auto, invisibile per quattro anni nonostante la vicinanza con la strada provinciale, è stata trovata con il finestrino del lato guida parzialmente aperto, la carrozzeria danneggiata solo nella parte anteriore, l’airbag esploso, con sopra delle tracce di liquido ematico, probabilmente a causa di epistassi (perdita di sangue dal naso) da impatto. Secondo gli investigatori, le ipotesi privilegiate adesso sono due; o un malore improvviso che ha fatto perdere al ragazzo il controllo dell’auto, oppure la perdita del controllo dell’autovettura a causa dell’alta velocità. Mentre l’arduo e delicato compito per cercar di far luce sulla reale causa del decesso, probabilmente una lunga agonia, sopravvenuta dopo il violento impatto, toccherà al magistrato di turno, Enrica Medori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA