Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Giovane aquilano ucciso a Birmingham. Fatali le coltellate ricevute dal coinquilino

Giovane aquilano ucciso a Birmingham. Fatali le coltellate ricevute dal coinquilino
2 Minuti di Lettura
Venerdì 21 Novembre 2014, 09:48 - Ultimo aggiornamento: 22 Novembre, 15:02

L'AQUILA - L'omicidio, secondo quanto si è appreso da fonti interne alla questura dell'Aquila, al culmine di una lite scoppiata per futili motivi, sarebbe avvenuto nella città inglese, molto probabilmente martedì sera, nell'appartamento che l'aquilano condivideva con altri italiani.

Accusato dell'accoltellamento un 20enne italiano, coinquilino della vittima, che è stato arrestato dalla polizia inglese. Al grave fatto di sangue ha assistito un altro giovane italiano, anch'egli abitante nello stesso stabile, che ha fornito la sua testimonianza alle forze dell'ordine che, comunque, sull'accaduto mantengono il più stretto riserbo. Per l'autopsia, si attende che la difesa chieda il controesame visto che per la legge inglese non è prevista la presenza contemporanea delle parti. Intanto, i genitori del giovane giunti ieri pomeriggio nella città inglese dove sono assistiti da personale del consolato, hanno attivato le pratiche per la consegna della salma al fine di organizzare il rimpatrio e i funerali che avverranno, non prima di una decina di giorni, all'Aquila, dove la morte di Francesco Leccese, ha gettato parenti e amici nella disperazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA