Abita nella casa popolare, ma i carabinieri gli trovano 110mila euro in contanti

Abita nella casa popolare, ma i carabinieri gli trovano 110mila euro in contanti
1 Minuto di Lettura
Mercoledì 23 Gennaio 2019, 10:42

Vive nelle case popolari ma aveva 110mila euro in contanti. E' il risultato di un'operazione messa a segno dai carabinieri della Compagnia di Pescara, impegnati a massa in un ampio servizio straordinario di controllo del territorio che ha interessato, in parte il comune di Pescara, ma soprattutto quello di Spoltore, volto essenzialmente alla prevenzione e repressione dei reati in genere ed, in particolare, quelli di natura predatoria.

Il dispositivo, che ha visto impiegati più di 20 militari, ha consentito, oltre che di controllare minuziosamente la circolazione stradale, altresì di rinvenire e sottoporre a sequestro probatorio la somma contante di circa 110.000 euro e trarre in arresto una persona, denunciarne in stato di libertà 5, nonché segnalare un giovane quale assuntore di stupefacenti.

Andando nei particolari, il denaro contante è stato rinvenuto nel corso di una perquisizione domiciliare, eseguita nel quartiere Fontanelle, a carico di A.C., 56enne di etnia rom, il quale aveva abilmente occultato i soldi all’interno di un’intercapedine ricavata sotto i mobili della cucina. A carico dell’uomo, per il quale si è proceduto alla denuncia in stato di libertà per ricettazione e ed omessa denuncia di cose provenienti da delitto, sono stati sequestrati altresì un bilancino elettronico di precisione e materiale per il confezionamento di sostanze stupefacenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA