FEMMINICIDIO

L'Aquila, uccide moglie e figlia a colpi di pistola e confessa: «Mi avevano denunciato»

Mercoledì 16 Ottobre 2013
L'AQUILA - Ha confessato Veli Selmanaj, detto Willi, bracciante agricolo di 46 anni, il doppio omicidio della moglie Fatima e della figlia Sene Ada di 21 anni a colpi di pistola davanti al supermercato Todis del centro marsicano. L'uomo era stato allontanato dalla moglie perchè accusato di molestie sessuali e violenza nei confronti della figlia e per questi motivi serbava forte rancore per le due donne. È stato fermato poco dopo nella frazione di Venere di Pescina. I carabinieri hanno ritrovato anche la pistola con la quale è stato consumato il delitto.



Secondo gli inquirenti alla base del delitto ci sarebbe il rancore dell'uomo nei confronti delle due donne dopo una denuncia per violenza sessuale a suo carico.




Ci sono tantissimi curiosi davanti al supermercato Todis di Pescina dove si è compiuta l'ennesima tragedia familiare. Le indagini sono coordinate dal pm di Avezzano Mario Cerrato. Nell'area del delitto sono in corso i rilievi della Scientifica dell'Aquila. Alla base della tragedia ci sarebbe l'ennesima lite e una denuncia per violenza sessuale ai danni del marito arrestato. A cadere sotto i colpi sono state madre e figlia, 50 e 21 anni, entrambe albanese ma di provenienza kossovara. La madre si stava separando dall'uomo che sarebbe tornato dal nord in questi giorni nella Marsica proprio per terminare le pratiche della separazione.



Si chiama Willy Selmanay l'uomo fermato per il duplice omicidio di stasera davanti al supermercato Todis del centro marsicano. A cadere sotto i colpi della pistola la moglie dell'uomo, Fatima e la figlia 21enne, Sean. L'uomo, kossovaro di etnia albanese, era rientrato ieri dalla Germania dove aveva trovato lavoro successivamente alla separazione dalla donna. La coppia aveva 7 figli.
Ultimo aggiornamento: 17 Ottobre, 19:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani