Be(e) Happy Fest: l’Ape Piaggio tra Street Food e fashion

Lunedì 9 Febbraio 2015 di Francesca Spanò
Alle Officine Farneto un incontro speciale dedicato allo Street Food sulle mitiche “apette”

Street Food sì, ma con stile. Per tutti gli amanti del cibo di strada sfizioso che non hanno ancora provato le specialità itineranti delle piccole Ape Piaggio, quello appena trascorso è stato un weekend davvero particolare. Il Be(e) Happy Fest, organizzato il 7 e l’8 febbraio alle Officine Farneto è stato un successo che ha attirato all’appuntamento romano più di 9.000 persone. Un incontro a metà tra la gastronomia e il fashion, con un sottofondo musicale a completare un contesto in cui l’assoluta protagonista era lei: la famosa “Apetta”.

20 Ape Piaggio a sfilare durante il festival urbano organizzato da LeCool Roma per il primo evento Street Food a tema in equilibrio tra arte e innovazione, con i tradizionali mezzi di trasporto provenienti da tutta Italia. Una due giorni che ha mostrato quando questa tendenza relativamente nuova, di provare cibo di strada su un veicolo itinerante abbia conquistato tutti e rappresenti la carta vincente di un settore, quello culinario, che non conosce crisi.

La manifestazione, ad ingresso gratuito, ha accolto i visitatori tra pizza, gnocco fritto, arrosticini, tigelle, patatine fritte, aperitivi particolari, panini gourmet, frutta ed una serie di prodotti a cui è difficile dire di no. Tutto preparato rigorosamente a bordo dell’Ape Car. Per la dieta c’è sempre tempo, per deliziare il palato no. Per la prima edizione del festival che doveva svolgersi lo scorso ottobre al Colour Park ed è stato rimandato, l’attesa non ha fatto che aumentare i consensi di un pubblico, assolutamente folto, che ha occupato gli spazi delle Officine Farneto (via dei Monti della Farnesina, 77) dalle 12 alle 2 il sabato fino alla mezzanotte di domenica. La struttura immersa nel verde è sempre perfetta per enfatizzare date in calendario particolari, come questo a metà tra cibo e design.

Le “apette” sono state sistemate all’entrata e all’uscita dello storico locale romano, a lasciarsi osservare da coloro che, di passaggio o in visita voluta, si sono divisi tra cibo e gadget. Se rimanere a stomaco vuoto era impossibile, infatti, è stata una occasione anche per osservare e scegliere pezzi di abbigliamento, accessori, gioielli fatti a mano e nel segno del Made in Italy. Tutto a tema, ovviamente.

Al festival, ha partecipato di Piaggio Veicoli Commerciali, a celebrare più di 60 anni dalla nascita di una delle sue più felici creazioni, come l’Ape, che ha fatto capolino nel 1948. Oggi è in “rinascita”, considerata di moda e simbolo di un’epoca, una volta invece era un mezzo di trasporto fondamentale, peculiare per tanti mestieri. Presente, inoltre, Fondazione Campagna Amica, che da sempre vigila sulla provenienza dei prodotti, il Made in Italy e il “Km0” e promuove lo Street Food.

Al Be(e) Happy Fest non sono mancati i workshop, i laboratori per bambini e le creazioni artigianali di un certo valore. Un incontro simbolico anche per muovere tutti insieme il “motore” dell’impresa e in tempi di crisi, fare in modo che il nostro Paese riesca a ripartire. Scelta infinita sullo Street Food e occhi puntati su altrettante realtà ormai amatissime. I presenti potevano scegliere dai panini gourmet dell’Ape Romeo o di Diogene alle crepes e alle patate a spirale dell’Ape Magna. Non mancavano tigelle dell’Ape Mozao o l’hamburger di carne chianina dell’Ape Steakhouse il Caminetto. Ancora, i fritti dell’Ape Fritto o quelli dell’Ape Mezzi, con a bordo uno chef del noto ristorante Supplizio o i dolci garantiti dall’Ape Straw&Berry, solo per citarne alcuni. Colori, sapori, arte e allegria: come prima edizione il consenso è stato straordinario, con la possibilità che diventi un periodico incontro per intenditori, amanti della buona tavola e di quel mix vincente di arte culinaria itinerante, rigorosamente su Ape Piaggio.

Ultimo aggiornamento: 13 Febbraio, 08:54

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il senso del Papa al Messaggero

Colloquio di Virman Cusenza e Alvaro Moretti