La svolta telematica nei processi, il sottosegratorio Sisto: «A Viterbo un'eccellenza»

Stefano Breciglia, Emma D'Ortana, Franco Paolo Sisto
di Maria Letizia Riganelli
3 Minuti di Lettura
Sabato 29 Maggio 2021, 07:05 - Ultimo aggiornamento: 10:54

La svolta telematica nei processi passa per la Procura di Viterbo. Ieri mattina tra i corridoi del secondo piano del Tribunale è arrivato il sottosegretario alla Giustizia Franco Paolo Sisto. Una visita programmata non solo per guardare da vicino l’organizzazione degli uffici della Procura ma anche per verificare il funzionamento del processo telematico e le buone pratiche messe in atto a Viterbo.

Col sottosegretario sono arrivati anche il senatore Francesco Battistoni, la segretaria della Procura Generale Emma D’Ortona, il vice capo dipartimento dell’organizzazione giudiziaria Lorenzo Del Giudice, il presidente facente funzioni del Tribunale Eugenio Maria Turco, il presidente dell’ordine degli avvocati di Viterbo Stefano Brenciaglia, della Camera penale Roberto Alabiso, di Aiga Angelo Poli e Luigi Sini delegato dell’organismo congressuale forense. A fare gli onori di casa il procuratore capo Auriemma.

«C’è grande soddisfazione - ha affermato- per la visita del sottosegretario che è venuto a verificare lo stato di un ufficio che noi riteniamo, sotto il profilo del processo telematico e non solo, di ottima organizzazione». Il sottosegretario dopo aver ascoltato i sostituti procuratori, ha incontrato tutti i dipendi e al termine della visita si è intrattenuto con gli avvocati del foro di Viterbo.

«Il fattore a cui do molto valore - ha spiegato il sottosegretario alla fine del tour degli uffici della Procura - è la qualità dei rapporti umani, costituiscono il tessuto connettivo su cui si innestano i buoni servizi nella pubblica amministrazione, insieme ovviamente alla competenza. Si tratta di due fattori determinanti e come in questo caso l’organizzazione la fa da padrona. Risultati che mi sono stati prospettati non esito a definirli eccellenti. Abbiamo parlato con il procuratore anche della possibilità di tesaurizzare questi risultati e valutare se possono essere linkati con quelli di altre esperienze per farne una sorta di schema nazionale e che possa accrescere questa sensibilità verso il processo telematico».

Il processo telematico rappresenta, in questo momento, la svolta a cui tutte le Procure devono ambire. «Ma sia ben chiaro - ha concluso Sisto- lasciando ferma il principio dell’oralità per la fase del dibattimento. Da del parte del ministero e della stessa ministra Cartabia questi giri sul territorio servono non solo per dimostrare vicinanza ma anche per imparare. I grandi campioni nel calcio nascono nei campi di provincia, ecco noi cerchiamo i grandi campioni nella giustizia per avere nazionale vincente per apportare le grandi riforme strutturali, che ci chiede l’Europa. Dobbiamo realizzarle per non perdere fondi del Recovery».

© RIPRODUZIONE RISERVATA