Palazzo Calabresi, accordo Regione-Provincia: ''Diventerà uno spazio per i giovani''

Il loggiato di Palazzo Calabresi
di Simone Lupino
3 Minuti di Lettura
Venerdì 20 Maggio 2022, 12:19

Dopo l’ex ospedale grande degli infermi un altro bene del patrimonio immobiliare pubblico ubicato nel centro storico della città sembra destinato al recupero. E sempre per tramite della Regione, proprietaria dello stabile, in sinergia con la Provincia di Viterbo, che invece riceverà il bene in affitto. Parliamo di Palazzo Calabresi. Per farci cosa? “Le idee sono tante, la più probabile è uno spazio aperto ai giovani, un centro pulsante dal punto di vista sociale e culturale”, annuncia da via Saffi il vice presidente e delegato al Patrimonio Pietro Nocchi. Che aggiunge: “Siamo già pronti a partire con gli interventi per la messa in sicurezza”.

Ma andiamo con ordine. La Giunta Zingaretti e Palazzo Gentili hanno raggiunto nei giorni scorsi un accordo che si sostanzierà nella stipula di un contratto di locazione che prevede condizioni particolarmente vantaggiose per l’affittuario: “Nel compendio della Regione – spiega il consigliere del Pd Enrico Panunzi – ci sono dei beni che possono essere allocati alle pubbliche amministrazioni con un abbattimento fino al 90% dei costi di locazione. Più volte in questi anni ho chiesto sia al Comune di Viterbo che alla Provincia se fossero interessati alla struttura, trovando riscontri positivi da entrambi, ma poi del Comune si sono un po' perse le tracce. La Provincia invece è andata avanti. Lasciare questo patrimonio pubblico nell’incuria e nel degrado sarebbe stato un peccato morale e istituzionale da parte nostra”.

La Regione ci metterà i soldi per partire, ma la Provincia si è fatta trovare pronta. “Abbiamo già ricevuto un finanziamento di 120 mila euro – riferisce Nocchi -: 20 mila euro saranno utilizzati subito per la messa in sicurezza, mentre l’altra quota servirà alla progettazione. Inoltre, come Provincia andremo ad approvare a breve il consuntivo con un avanzo importante, che potremmo destinare oltre che alla viabilità anche al nostro patrimonio”.

A parti inverse, invece, è la Regione a pagare l’affitto alla Provincia per gli uffici al Palazzaccio, in via del Collegio, e a Palazzo Borgognoni, in piazza Concetti. Non è un caso che nell’accordo di valorizzazione rientrino anche questi due beni. Per cui si potrebbe arrivare a una sorte di “compensazione” tra le parti. Di sicuro per il futuro di Palazzo Calabresi “sarà coinvolta anche la nuova amministrazione comunale, dopo lo studio di fattibilità capiremo meglio come muoverci”, dice Nocchi, che conclude ringraziando il consigliere Panunzi “per il suo fondamentale supporto”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA