Il Fratino, specie a rischio estinzione, sceglie Montalto per nidificare sulla spiaggia

Il Fratino, specie a rischio estinzione, sceglie Montalto per nidificare sulla spiaggia
di Marco Feliziani
2 Minuti di Lettura
Sabato 24 Luglio 2021, 06:20 - Ultimo aggiornamento: 14:36

La natura ha scelto il litorale di Montalto di Castro per continuare il suo lungo processo di vita. È infatti avvenuto un evento eccezionale sulla spiaggia libera in località Le Casalette nei pressi della struttura turistica “California”.

Due coppie di Fratini (specie rara di uccello) a maggio scorso hanno deposto le uova nella sabbia e la schiusa di uno dei due nidi è andata a buon fine. Tutti e tre i pulcini hanno ormai 43 giorni e sono riusciti a prendere il volo. Il Fratino sono una specie di uccello in via di estinzione: in Italia si stima che non arrivino a mille coppie riproduttive e la sua popolazione è diminuita del 50% negli ultimi dieci anni.

Vederne il nido è un ottimo segnale dello stato di salute di un ambiente marino e di una spiaggia correttamente tutelata e conservata. Ad avvistare i due nidi nel maggio scorso una passante che ha avvisato la Guardia costiera e insieme all’associazione Garol (Gruppo attività ricerche ornitologiche litorale) si è deciso di mettere in sicurezza i nidi installando delle gabbie e dei cartelli di avviso.

In seguito il monitoraggio da parte dei volontari fino alla schiusa delle prime tre uova, ma dopo il secondo giorno di vita i pulcini sono stati predati.

Il secondo nido ha invece avuto successo e tutti e tre i piccoli volano autonomamente. Una operazione molto complessa e delicata in quanto i pulcini, che si allontanano dal nido poco dopo la nascita, diventando facilmente attaccabili dai predatori. Non è la prima volta che sul litorale di Montalto di Castro avviene un evento di questo tipo. Nell’agosto del 2018 si verificò nella stessa zona la schiusa di un nido di tartaruga marina Caretta caretta. In quella circostanza, oltre alla Guardia costiera, intervennero Tartalazio e i volontari di Sea Shepherd e la stazione zoologica di Napoli Anton Dohrn che misero in sicurezza il nido monitorandolo fino alla sua schiusa.

Sta a noi quindi la responsabilità e il senso civico di mantenere inalterato l’ambiente, evitando di abbandonare sulle spiagge rifiuti – soprattutto plastica – o accendere falò, per far sì che questi animali si riproducano in tranquillità e in sicurezza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA