Civita Castellana: in Comune dopo l'uscita di Forza Italia è scontro per l'assessore da sostituire

Civita Castellana: in Comune dopo l'uscita di Forza Italia è scontro per l'assessore da sostituire
2 Minuti di Lettura
Venerdì 31 Dicembre 2021, 16:22

Fine d'anno pirotecnico nel centro destra di Civita Castellana. Il sindaco Luca Giampieri da ieri studia su come mettere in piedi la nuova giunta, dopo le dimissione dell'assessore Silvia La Bella che ha seguito le indicazione dal suo partito (Forza Italia) uscito dalla maggioranza.

E per tranquillizzare la stessa maggioranza che dà segnali di nervosismo. Tanto per non farsi mancare nulla, ieri è arrivata anche una lettera dei sindacati (Cgil e Uil) che contestano la gestione del personale. Insomma, per il primo cittadino l'ultimo giorno dell'anno sarà impegnativo, per una situazione impensabile fino a pochi giorni fa. Ma lui ci scherza su: «Dopo aver mangiato le lenticchie inizieremo a pensarci», dice.

Le ultime fibrillazioni si sono viste nel corso dell'approvazione delle ultime delibere di giunta, in cui è mancata la sintonia sulle scelte tra gli assessori della Lega e quelli di Fratelli d'Italia. In particolare, nell'affrontare il cambio del comandante della polizia locale è salita la tensione. Ad Alessandro Buttarelli dal 1° gennaio subentra (ovvero ritorna) Antonio Presutti (foto), che aveva ricoperto lo stesso ruolo con Angelelli sindaco. E questo è stato un motivo di scontro.

«Che qualcuno possa avere altre vedute ha detto Giampieri fa parte della normale dialettica».Sulla nuova squadra Giampieri ha preso tempo. «Entro il 6 gennaio ha sottolineato - metteremo a posto tutte le caselle. Non so se ci saranno novità, vedremo». Con l'uscita di Forza Italia, sono cambiati gli equilibri all'interno della giunta. Per questo ieri a Viterbo si sono incontrati Massimo Giampieri (padre del sindaco) e il senatore Umberto Fusco per trovare un equilibrio. In pratica hanno iniziato la discussione su che dovrà avere tre assessori e chi due.

Intanto circolano le prime ipotesi: se la quota rosa andrà alle Lega, è pronta Giulia Pieri; se invece andrà a FdI in pole position c'è Giovanna Fortuna. Giampieri nega, ma ha in mente un mini rimpasto con Massimiliano Carrisi al posto di Carlo Angeletti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA