Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Centro storico, il piano Frontini piace ai commercianti

Centro storico, il piano Frontini piace ai commercianti
di Luca Telli
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 6 Luglio 2022, 05:10 - Ultimo aggiornamento: 15:09

Centro storico, il piano di rilancio presentato lunedì sera al caffè Schenardi dalla sindaca Chiara Frontini piace ai commercianti. Dal decoro alla sicurezza, dalla riqualificazione urbana (con l’ipotesi di un ritorno degli uffici comunali in centro) alla promozione di eventi culturali come strumento di miglioria sociale e volano per il turismo. Cinque punti programmatici che, spiega il presidente di Facciamo Centro Gaetano Labellarte «non solo sono realizzabili ma espressione di un’idea a lungo termine di città e di sviluppo: un salto in avanti considerevole rispetto agli anni scorsi e alle passate amministrazioni quando sembrava si navigasse a vista. La sindaca ci ha parlato con chiarezza, senza imbarazzi: c’è l’entusiasmo e la volontà di creare qualcosa di importante».

 Lo stop alla chiusura del centro storico, ma la disponibilità alla creazione di aree pedonali nei fine settimane e durante gli eventi, trova d’accordo i commercianti «prima di prendere iniziative del genere è bene che il centro esca dalla dura stagnazione nel quale vive da anni – continua Labellarte -. Il primo passo è restituire vitalità all’area». Tre le prime iniziative proposte dalla sindaca la notte bianca il prossimo 30 luglio, mentre altre sono allo studio con un’importante novità rispetto agli anni scorsi: il loro sviluppo non sarà localizzato in un’area specifica ma lungo l’intero centro in modo da permettere a tutte le attività di trarre beneficio in maniera identica.

«La notte bianca è un’idea che va nella direzione giusta – conclude Labellarte -, la voglia di fare insieme a quella di mettere sul piatto problemi e proposte per trovare della soluzione è quello che abbiamo apprezzato più di questo inizio di nuovo corso». Condivisione, il termine che sottolinea anche Alessandra Di Marco, titolare di due negozi di articoli sportivi a via Roma e via San Bonaventura. «Nel programma di rilancio c’è molta sostanza. Provvedimenti che avranno bisogno di tempo, i benefici li vedremo per forza di cose nel medio periodo perché ogni idea deve fare il suo corso per crescere e strutturarsi. Serviva però iniziare e dopo quello che abbiamo ascoltato possiamo avere fiducia in una ripartenza»

Soddisfazione dopo l’incontro di lunedì esprime anche Frontini sulla sua pagina social: «Dopo l’esenzione totale della TOSAP, abbiamo pianificato la Notte Bianca in centro per sabato 30 Luglio e raccontato come intendiamo rilanciare la parte storica della città, integrando l’approccio dei vari settori: decoro e pulizia, turismo, cultura ed eventi, sicurezza e prevenzione sociale, rigenerazione urbana.  Condividendo le azioni con gli operatori economici, possiamo essere più incisivi: insieme si va lontano».

© RIPRODUZIONE RISERVATA