La rabbia e il dolore nel “covo” degli Irriducibili, i capi della Nord si riuniscono per trovare l’erede

EMBED
Mille fiaccole hanno illuminato il buio nel parco degli Acquedotti in ricordo di Fabrizio Piscitelli. Gli ultrà laziali si sono dati appuntamento alle 21.30 davanti alla chiesa di San Policarpo, in piazza Aruleno Celio Sabino, al Quadraro, per un primo ricordo omaggio al leader assassinato con un colpo di pistola alla nuca prima dei funerali.  Alle 22 circa la folla, in silenzio assoluto, guidata dal direttivo degli Irriducibili, si è diretta in corteo sul luogo dell'omicidio. In testa alcuni parenti di Piscitelli.  «Non facciamo pagliacciate - ordina uno dei leader al megafono - niente foto, i cellulari teneteli in tasca. Chi ha le torce (luminose) le accenda solo alla fine». 

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Lozzi e il derby dei Casamonica, da Virginia solo una passerella

di Simone Canettieri