Mattarella: «Migranti sono questione globale, impegno comune in Ue e con Paesi Africani»

EMBED

L’interdipendenza esistente tra le due sponde del Mediterraneo rende urgenti gli investimenti in termini di attenzione politica verso quella meridionale. La crescita dei Paesi posti sulle rive del Mediterraneo passa anche per una comune e lungimirante gestione dei flussi migratori che impoveriscono i Paesi di origine di energie utili allo sviluppo delle loro comunità. Si tratta di una questione decisiva e globale - come ben sa l’Organizzazione internazionale delle migrazioni - legata a dinamiche demografiche e d’interconnessione mondiale che appare vano pensare che possa eclissarsi e che dobbiamo, invece, in una logica di comune interesse, impegnarci a gestire. Anche su questo terreno diplomazia, istituzioni nazionali ed internazionali, a cominciare dall’Unione europea, sono chiamate a un impegno comune fra loro e con quei Paesi più esposti a questo fenomeno e, penso alla difficile situazione che continua ad attraversare la Libia”. Lo ha dichiarato il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella intervenendo alla cerimonia di apertura della VIII edizione della Conferenza Internazionale Rome MED Dialogue / Quirinale. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev agenziavista.it

Mediterraneo, Mattarella: comune e lungimirante gestione migranti