PAPA FRANCESCO

Papa Francesco a fianco dei disabili: «Non sono vite di serie B»

Martedì 3 Dicembre 2019 di Franca Giansoldati
Città del Vaticano - La voce del Papa tuona per difendere i tanti disabili che non avendo mezzi o supporti  per far fronte ai disagi spesso sono costretti alle quattro mura domestiche, in una condizione di solitudine, oltre che di malattia. E di fatto diventano cittadini di serie B.

«Quanti 'esiliati' nascosti nelle case a causa della disabilità» ha denunciato Francesco nel messaggio diffuso per la Giornata mondiale delle persone disabili che quest'anno ha per tema 'Il futuro è accessibile'.

«Una persona con disabilità, per costruirsi, ha bisogno non solo di esistere ma anche di appartenere ad una comunità. Incoraggio tutti coloro che lavorano con le persone con disabilità a proseguire in questo importante servizio e impegno, che determina il grado di civiltà di una nazione» ha spiegato. 

«Occorre sviluppare gli anticorpi contro una cultura che considera alcune vite di serie A e altre di serie B: questo è un peccato sociale!. Occorre prendersi cura e accompagnare le persone con disabilità in ogni condizione di vita, avvalendosi anche delle attuali tecnologie ma senza assolutizzarle; con forza e tenerezza farsi carico delle situazioni di marginalità; fare strada insieme a loro e "ungerle" di dignità per una partecipazione attiva alla comunità civile ed ecclesiale».  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

L’asse Ficcardi–Cacciatore, la coppia che punta l’indice

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma