Umbria Salute, la Regione apre alla trattativa sui precari

Giovedì 9 Luglio 2020
PERUGIA La Regione ha deciso di aprire alla soluzione dei problemi di Umbria Salute. Ieri l’assessore alla Sanità Luca Coletto ha preso l’impegno a sciogliere i nodi relativi al personale della partecipata di Palazzo Donini che gestisce il servizio delle prenotazioni sanitarie su tutto il territorio regionale. Sul tavolo c’è il problema dei precari e la riapertura di alcuni uffici anche nella “fase 3” dopo l’emergenza post- Covid. «L’assessore ci ha assicurato che si farà carico personalmente dei problemi che da tempo abbiamo messo in evidenza - affermano i rappresentanti di Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltucs Uil, Nidil Cgil e Felsa Cisl - sia per quanto riguarda i 180 precari in scadenza di contratto a novembre, sia più in generale per le evidenti difficoltà nella ripartenza delle prestazioni, con la chiusura di alcuni punti Cup come quelli della Usl Umbria 1, senza nessuna comunicazione e confronto. Abbiamo ribadito all’assessore - concludo i sindacati - che le riorganizzazioni non possono essere fatte senza ascoltare i lavoratori, che dovrebbero esserne invece gli attori principali. Ora attendiamo una convocazione in tempi stretti, altrimenti inevitabilmente la mobilitazione proseguirà e si intensificherà». © RIPRODUZIONE RISERVATA