Umbria Jazz, Gino Paoli costretto
a dare forfait: al suo posto Servillo

Gino Paoli e Peppe Servillo
1 Minuto di Lettura
Lunedì 3 Aprile 2017, 16:56

Umbria Jazz lancia il suo festival di primavera che si svolgerà dal 14 al 17 aprile a Terni, dove la manifestazione ritorna dopo molti anni. Il programma comincia il venerdì santo con «AltissimaLuce», ovvero il Laudario di Cortona liberamente riletto da Paolo Fresu (arrangiamenti dello stesso Fresu e Daniele di Bonaventura) con quartetto jazz, orchestra da camera e coro, e si conclude con il duo Peppe Servillo-Danilo Rea. La storica voce degli Avion Travel ha preso il posto all'ultimo momento di Gino Paoli, che ha dovuto dare forfait per osservare un periodo di riposo, ma più che di una sostituzione si tratta in realtà di un duo molto diverso. In cartellone anche il british soul di Incognito, storica sigla dell'hip hop che ha superato i 35 anni di carriera, e ancora dal Regno Unito arrivano i canti religiosi del London Community Gospel Choir, scelta che evidentemente tiene conto delle festività pasquali. Jazz più ortodosso da parte del quartetto di Chico Freeman e del trio di Piero Odorici, il cui batterista è Roberto Gatto. Non mancheranno le street parade dei Funk Off, presenza abituale di Umbria Jazz, anche nelle trasferte estere (l'ultima in Cina), mentre una novità degli ultimi anni al festival umbro è Sammy Miller and the Congregation, una band americana che suona un jazz divertente e gioioso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA