Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Terni, distrutto il centro sportivo che doveva essere dedicato ad Alessio Durazzi

Terni, distrutto il centro sportivo che doveva essere dedicato ad Alessio Durazzi
di Lorenzo Pulcioni
3 Minuti di Lettura
Martedì 16 Agosto 2022, 21:55

TERNI I pali della porta sono mangiati dalla ruggine. L'erbaccia è cresciuta talmente tanto da essere ormai un tutt'uno con le reti e i pezzi di ferro sparsi un po' ovunque. Ma il pugno più forte allo stomaco arriva vedendo quella targa quasi del tutto scolorita che ricorda la tragica scomparsa di Alessio Durazzi. Ed è come se, insieme all'impianto sportivo ormai inutilizzato da tre anni, fosse condannato a sbiadire anche il ricordo dello sfortunato ragazzo stroncato da un attacco cardiaco la sera del 21 dicembre 2012 mentre si allenava con i compagni.

Il campo sportivo di Campomaggiore, proprio di fronte alla chiesa, è di fatto inutilizzato da quando la San Giovanni Bosco aveva presentato un progetto di riqualificazione che prevedeva la realizzazione di un campo a 9 in erba sintetica e la risistemazione degli spogliatoi e degli uffici. Parallelamente al progetto, nel 2019 viaggiava la richiesta sempre da parte della Sgb di allungamento della convenzione su cui però il Comune di Terni non ha mai dato parere positivo. E infatti oggi il campo dove sorgeva la scuola calcio di Riccardo Zampagna, che ora utilizza i campi a 5 in sintetico e gli spogliatoi della parrocchia, è abbandonato e le strutture prefabbricate non ci sono più. Perchè in attesa del via libera del Comune, la società come richiesto aveva cominciato i lavori di rimozione di container e manufatti. Accollandosi anche la spesa per rimuovere i rifiuti depositati abusivamente da chissà chi. Ma quando l'accordo non va in porto e la San Giovanni Bosco decide di trasferire parte delle attività al campo Bianchina di via Narni, la Curia che attraverso la Parrocchia è proprietaria della struttura rinuncia a chiedere la proroga della concessione.

Così, da un anno a questa parte, cioè da quando è scaduta la convenzione e l'impianto è tornato di proprietà del Comune, le condizioni del campo sono peggiorate drasticamente. Il costo troppo salato di un'eventuale riqualificazione ha fatto tornare la palla di nuovo a Palazzo Spada. Il Comune dovrà quindi procedere con un nuovo bando per l'affidamento in concessione dell'impianto anche se al momento non si conoscono con certezza le tempistiche dell'operazione. Nelle intenzioni della parrocchia e della società, invece, c'era proprio l'intitolazione del campo ad Alessio Durazzi. Mentre oggi la Sgb è costretta a portare avanti la sua attività spostandosi tra un campo e l'altro della città con conseguenze che sono evidenti. Dai 150 bambini della scuola calcio di due anni fa, oggi ne sono rimasti 50. A questo si aggiunge il problema legato alla chiusura della palestra della scuola di Campomaggiore che ha costretto a spostare le attività di mini volley prima a San Gemini e poi all'Orazio Nucola, con la conseguenza che decine di bambini hanno abbandonato questo sport. Il campo fu inaugurato nel 2005 con la prima partita dell'allora Sgb Terni Rugby, primo nucleo da cui poi usciranno i Draghi della palla ovale, oggi divisi in due campi e in due società. Sportivamente parlando un'era fa per la città di Terni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA