Sicurezza, Perugia al setaccio: oltre 60 carabinieri con l'elicottero. Controlli anti terrorismo

PERUGIA - I Carabinieri del Comando Provinciale di Perugia, al Comando del Colonnello Cosimo Fiore, con il concorso delle Compagnie Carabinieri di Perugia, Città della Pieve e Foligno e delle Stazioni di Perugia, Castiglione del Lago e Trevi sono stati impegnati in un capillare servizio coordinato a largo raggio, predisposto principalmente per fronteggiare il fenomeno dei reati predatori e della immigrazione clandestina.

I militari si sono avvalsi anche di un’elicottero, “Fiamma 98”, del 6° Raggruppamento Gruppo Volo di Pratica di Mare, di una Squadra Operativa di Supporto (S.O.S.) di Roma, specificatamente addestrata per fornire una prima risposta in caso di attacco terroristico nell’attesa dell’arrivo dei Gruppi di Intervento Speciale e di una squadra della Compagnia di Intervento Operativo (C.I.O.) di del 6° Battaglione Carabinieri Firenze, inviata come supporto nella provincia di Perugia per consentire ai Comandi Territoriali di far fronte alle criticità emergenti.

Hanno partecipato, inoltre pattuglie in abiti civili del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo e del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Perugia, nonché i Marescialli tirocinanti frequentatori del 4° Corso Triennale della Scuola Marescialli e Brigadieri di Velletri inviati presso l’Arma territoriale nei mesi di luglio ed agosto per acquisire quelle esperienze necessarie per poi far fronte ai compiti Istituzionali cui saranno demandati.

In totale sono stati impiegati n. 60 militari e n. 20 automezzi. Il servizio è stato svolto principalmente nella zona di del Quartiere Fontivegge – Stazione Ferroviaria - Piazza del Bacio, ove sono stati controllati numerosi stranieri e persone in arrivo ed in partenza dalla citata Stazione Ferroviaria. A seguire sono stati effettuati posti di controllo presso gli svincoli in uscita di Piscille, San Faustino e Madonna Alta nonché nell’area adiacente al Percorso verde.

I risultati complessivi vedono oltre 132 persone e 52 veicoli controllati. Sono stati segnalati alla Prefettura per uso non terapeutico di sostanze stupefacenti due persone e elevate 27 infrazioni per violazioni al c.d.s..

Il dispositivo è stato utile anche per verificare la struttura e catena di comando dell’Arma di Perugia delle sue unità operative di pronto intervento per fornire una risposta adeguata, qualora si materializzasse, in caso di evento terroristico, alla luce anche del fatto che presto sarà attiva in questa provincia la neonata unità denominata A.P.I. (Aliquota di Primo Intervento). Il servizio che inizialmente aveva destato qualche preoccupazione tra la popolazione per l’ingente schieramento di forze e, soprattutto, per l’impiego eccezionale dell’elicottero alla fine ha ricevuto il plauso dei cittadini che hanno ringraziato gli operatori per l’accresciuta percezione delle sicurezza.
Gioved├Č 28 Luglio 2016 - Ultimo aggiornamento: 13:26

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
QUICKMAP