Jazz in August: tutto il programma
e le istruzioni per vivere il centro nei
quattro giorni dell'evento targato Uj

Venerdì 7 Agosto 2020 di Michele Bellucci
PERUGIA - Debutta oggi Jazz in August, la rassegna targata Uj che proporrà per quattro sere una manifestazione di alto livello artistico con tre spettacoli al giorno nella centrale Piazza IV Novembre. La vera Umbria Jazz tornerà a luglio del prossimo anno e l’edizione 2020 è stata cancellata, ma questo evento permetterà di respirare anche quest'anno le fascinose note che da oltre quarant'anni caratterizzano l'estate perugina. Jazz in August sarà dedicato al jazz italiano, con nomi di rilievo che si esibiranno nel palco allestito a fianco della Fontana Maggiore davanti a sole 350 persone, numero massimo previsto nel rispetto delle attuali norme anti-Covid. Nella serata d'esordio gli spettacoli sono due: alle 21.30 salirà sul palco l’acclamata vocalist Greta Panettieri con il suo quartetto e lo special guest Max Ionata al sax, presentando una serie di brani tratti dagli ultimi tre album con ampie dosi d'improvvisazione; alle 23.30 toccherà agli scatenati "gangster dello swing" The good fellas, una formazione con quasi 30 anni di carriera alle spalle con 9 artisti pronti a conquistare la platea con il fascino delle sonorità Anni '40 e '50.

Domani ancora swing in apertura, con la formazione guidata da Nico Gori che proporrà un viaggio nella tradizione delle storiche big band tra autori come Benny Goodman e Count Basie con un'affiatata orchestra di dieci elementi (alle 19.00). Poi un altro gradito ritorno in Umbria, quello del pianista Stefano Bollani, che si calerà in un piano-solo senza scaletta dove il pubblico e l'atmosfera giocheranno un ruolo chiave (alle 21.30). Infine festa densa di groove con i Funk off, che se non potranno suonare in marcia tra due ali di folla sapranno comunque trasmettere le giuste vibrazioni al pubblico (dalle 23.30). Serata intensa anche quella di domenica che si aprirà con il "Tributo a Fred Buscaglione" di Mauro Ottolini (19.00). Poi la classe senza tempo di Enrico Rava sarà protagonista con una "special edition" che lo vedrà affiancato dal settetto composto da Francesco Bearzatti, Gianluca Petrella, Giovanni Guidi, Francesco Diodati, Gabriele Evangelista ed Enrico Morello. Anche la terza serata si concluderà con lo show dei Funk off. Lunedì 10 agosto il palco accanto alla Fontana Maggiore sarà in mano alla Cosmic Renaissance di Gianluca Petrella, con un concerto ispirato alla musica e alla figura di Sun Ra, che in quella stessa location suonò nel '73 (19.30). Alle 22.00 chiusura di alta classe con il duo Gino Paoli-Danilo Rea arricchito dalla tromba di Fabrizio Bosso: dopo lo storico live che il cantautore e il pianista regalarono in un Teatro Morlacchi gremito durante Uj19, la direzione artistica ha deciso di provarci di nuovo offrendo ai tre artisti un'occasione unica per lasciare un segno indelebile in questo Jazz in August.

Affinché Jazz in August sia totalmente “Covid-free” ci sono alcune precauzioni che riguarderanno tutti coloro che, a partire da stasera, vorranno assistere agli undici concerti in programma oppure semplicemente vivere frizzanti serate in stile Uj lungo Corso Vannucci. Già, perché non solo Piazza IV Novembre sarà recintata permettendo l’accesso ai soli possessori dei biglietti e allo staff accreditato, ma ci saranno anche cinque varchi che, dalle 19.00, permetteranno di “filtrare” chi entrerà nell’area tra il Corso, via Fani e piazza della Repubblica: via Mazzini, Piazza Italia, via dei Priori, via Bonazzi e via Fani saranno i punti d’accesso presidiati, con un massimo di 2.700 utenti contemporanei ammessi nell’area, comprese le 300 persone che assisteranno allo spettacolo. Vietata la vendita per asporto nonché la detenzione di bevande in contenitori di vetro e metallici, dalle 18.00 e fino alle 6.00 del giorno successivo. Dalle 18.00 alle 2.00 sarà obbligatorio avere con sé una mascherina, indossandola in caso di stazionamento o quando non sarà possibile mantenere il distanziamento di almeno un metro.

Nell’area dei concerti si entrerà con biglietto e consegnando un’autocertificazione compilata; tale documento, scaricabile dal sito umbriajazz.com, rappresenta la garanzia che non circolino nell’area persone sottoposte alla quarantena in seguito a un tampone positivo o che presentino sintomi associabili al Covid19 o, infine, che siano state a contatto con un caso probabile o confermato negli ultimi 14 giorni. Basterà consegnare una sola autocertificazione se si assisterà a più concerti, avendo sempre con sé la copia di un documento d’identità. Dopo ogni concerto tutti verranno fatti uscire dalla Piazza, anche quelli in possesso del biglietto per il successivo live; questo permetterà di sanificare lo spazio. A proposito di biglietti, su ognuno sarà indicato un preciso orario d'accesso, precauzione necessaria per evitare assembramenti. Tali orari dovranno essere rispettati dal pubblico, ovvero chi arriverà tardi non potrà più entrare. I biglietti, ovviamente tutti numerati, si potranno prenotare solo online e non è previsto nessun botteghino. © RIPRODUZIONE RISERVATA