Narnese, ecco Thiam. Il nuovo acquisto per una squadra che punta sui giovani

Narnese, ecco Thiam. Il nuovo acquisto per una squadra che punta sui giovani
di Lorenzo Pulcioni
2 Minuti di Lettura
Venerdì 2 Dicembre 2022, 16:08

Nuovo acquisto per la Narnese che comunica di aver tesserato l'esterno offensivo mancino Aliou Thiam, classe 2003, nazionalità senegalese. Svincolato, Thiam ha giocato ultimamente in Serie D con le formazioni piemontesi di Chieri e Saluzzo. In precedenza, 2019 e 2020, era nel settore giovanile del Pescara prima nell'Under 17 e poi in Primavera. Per le sue caratteristiche può giocare anche sull'esterno destro o come seconda punta. Il ragazzo, già a disposizione di mister Marco Sabatini, ha già esordito domenica scorsa a Lama, disputando gli ultimi dieci minuti di gara.

Un rinforzo che va a sposarsi perfettamente con la linea societaria scelta negli ultimi anni, ovvero puntare sul vivaio per allestire l'organico di prima squadra. E' questo uno dei capisaldi della gestione tecnica rossoblu, come tiene a precisare il ds Gianluca Gambini, che avvalora anche il lavoro del mister Marco Sabatini: «Un progetto serio, attento alla crescita dei ragazzi, senza dar loro l'illusione che andranno sicuramente a calcare i grandi palcoscenici del calcio professionistico. Un'attenzione che rivolgiamo naturalmente anche ai genitori. Il nostro obiettivo è quello di portare i ragazzi a giocare in prima squadra e Marco Sabatini ha dimostrato negli anni di saper lanciare i giovani nel massimo campionato regionale» dice Gambini. Un'età media tra 22 e 23 anni e mezzo, domenica scorsa a Lama il più «vecchio» in panchina era il classe 2000 Matteo Filipponi mentre negli ultimi minuti ha esordito un 2006, Marchetti. In precedenza avevano esordito anche i vari Perotti (2004), Falocco (2006), Agostini (2003) e Solfaroli (2004). I veterani, se così si possono chiamare, sono diventati Ponti ('97), Grifoni, Pinsaglia ('99), ma anche i 2001 Petrini e Cori, e Colangelo anche lui '97. Mora e Brevi, anche loro giovani, giocano con autorità grazie a un graduale percorso di inserimento. «Non avere fretta è il consiglio che mi sento di dare ai genitori - conclude il ds Gambini - da sottolineare anche il grande lavoro del responsabile del settore giovanile, Marco Laureti, un professionista titolato e molto preparato, che molte società ci invidiano».

© RIPRODUZIONE RISERVATA