Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Lorenzo Barone ha attraversato l'Africa: in 106 giorni ha percorso 12 mila chilometri in bicicletta

Lorenzo Barone ha attraversato l'Africa: in 106 giorni ha percorso 12 mila chilometri in bicicletta
di Lorenzo Pulcioni
2 Minuti di Lettura
Martedì 7 Giugno 2022, 10:35

«Tutto bene, solo un bel po' stanco». E chi non lo sarebbe al suo posto. Lorenzo Barone, il viaggiatore solitario di San Gemini, ha completato la prima parte del suo lunghissimo viaggio in bicicletta e in solitaria.

Dopo 106 giorni dalla partenza a Città del Capo, in Sudafrica, Lorenzo ha macinato 12 mila chilometri compiendo la traversata dell'intero continente africano. Primo step per arrivare entro aprile 2023 a Capo Dezhnev, in Russia attraverso tre continenti e un totale di 29 mila chilometri. Ora qualche giorno di riposo in Turchia dove incontrerà Aygul, sua moglie, conosciuta durante la precedente impresa attraverso la Siberia proprio nei giorni in cui esplodeva la pandemia Covid-19. Le imprese di Barone non sono mai banali ma quella che sta compiendo in questo momento è veramente fuori dall'ordinario.

Partito proprio nei giorni in cui cominciava l'invasione della Russia in Ucraina, Barone in Africa ha attraversato non solo i pericoli legati alla giungla e agli animali selvatici del posto. Ma ha dovuto fare i conti con i tanti e mutevoli conflitti sul territorio africano, con frontiere a volte ostili e addirittura un arresto per 18 ore ad opera di alcuni poliziotti locali. «Ora mi incontro con Aygul in Turchia, dopo 3 mesi e mezzo che non ci vediamo. Cambio assetto bici per andare più leggero e attraverso l'Asia. Il percorso lo sto ancora studiando. Una prima ipotesi è passare attraverso Turchia, Georgia e Russia. Oppure attraverso Turchia, Georgia, Azerbaijan, Kazakhstan, Russia» dice Barone al Messaggero.

Nell'ultima settimana, a causa di una verifica del profilo Facebook, i suoi fan sono rimasti a secco di post sul popolare social. Trovandosi nel deserto in Egitto non è riuscito a pubblicare molto neanche su Instagram. Sulla traversata dell'Africa, completata ieri, dice: «E' stata un'esperienza intensa, senza dubbio il viaggio più difficile della mia vita, o meglio la parte del viaggio più difficile della mia vita dato che non sono neanche a metà strada per completare il progetto. In questi 106 giorni ho percorso 12.049 km e vissuto un'infinità di esperienze. Ora mi trovo davanti al Mediterraneo e a soli 526 km c'è la Turchia. Il mio viaggio proseguirà presto attraverso il continente asiatico».

© RIPRODUZIONE RISERVATA