Foligno, randagismo felino, cresce l’emergenza: «Servono interventi e anche soluzioni»

Giovedì 22 Ottobre 2020 di Giovanni Camirri

FOLIGNO - “È emergenza gatti abbandonati e randagismo felino, servono soluzioni”. A lanciare l’allarme è Palo Vetturini vertice dell’associazione Una -Uomo Natura Animali – realtà che gestisce l’Oasi Felina “La Piccola Corte dei Miracoli” a Foligno. “La questione abbandoni – dice Vetturini a Il Messaggero – è riassunta dai numeri. All’Oasi che gestiamo abbiamo 120 gatti. In appena 48 ore ne sono stati abbandonati 10 e c’è la questione, parimente complessa, delle cosiddette gattare e cioè coloro che gestiscono le colonie feline che a Foligno sono una ventina. E lo fanno mettendo mano ai loro soldi, spesso anche con qualche difficoltà, per garantire cure e cibo ai gatti delle colonie stesse. Queste situazioni di difficoltà favoriscono il randagismo e gli abbandoni. Tante persone non prendono i gatti dai volontari e ciò non consente un monitoraggio della popolazione felina, delle campagne di sterilizzazione e tutto ciò che quotidianamente viene fatto. C’è un incremento della presenza di gatti, conseguente la crescita esponenziale di nascite che fa da apripista al randagismo. Servono – prosegue – interventi sostanziali per garantire il controllo e la cura della popolazione felina. Alcune Regioni, attraverso specifiche modalità, sostengono l’impegno delle gattare mettendo a disposizione il cibo per i gatti. Basti pensare che le oltre 20 colonie di Foligno contano ciascuna una popolazione che va dai 10 ai 20 esemplari”.

 

 

 

 

“Abbiamo attivato – ricorda Vetturini – una serie di campagne a sostegno dell’Oasi Felina e chiediamo a chi può di contribuire perché così si combatte seriamente e in maniera efficace il randagismo. Abbiamo anche realizzato un calendario 2021 che va a sostegno degli animali abbandonati che non si adattano alla strada e che sono ospiti dell’Oasi Felina e stiamo ulteriormente promuovendo una campagna di tesseramento rivolta ai volontari e a quanti vogliano prendersi cura di questi animali abbandonati che serve a dare loro un futuro attraverso le cure, il cibo e il calore che si dà e che si riceve. Ci stiamo avvicinando – ribadisce – al Natale che sarà un momento diverso dal solito in forza della pandemia Covid. A Politici, chiedo e chiediamo, che ci facciano un regalo realizzando interventi, come tra gli altri quelli che abbiamo proposto, per contenere il randagismo e aiutare gli animali più sfortunati. Non si tratta di richieste impossibili – conclude Vetturini – e basta davvero poco per realizzarle”. Una situazione, quella descritta da Vetturini che in prima battuta può apparire marginale, ma che invece esprime il livello di civiltà di una città sia dal punto di vista degli umani che degli animali. Va detto che Foligno relativamente al versante animali sta facendo tantissimo. Ora serve un ulteriore passo in avanti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA