Allegri dopo i sorteggi Champions: «Chi ha ambizione, non ha timore»

Lunedì 17 Dicembre 2018 di Alberto Mauro
«Chi ha ambizione non ha timore» il tweet Max Allegri dopo il sorteggio degli ottavi di Champions. Dall’urna di Nyon si è materializzato il peggior avversario possibile, l’Atletico Madrid di Griezmann, sfida di andata nello stadio che ospiterà la finale di Champions League. «Come dice Allegri è importante arrivare alla fase ad eliminazione diretta, primi o secondi non fa differenza. Oggi abbiamo preso la seconda più forte ma non c'è nessun problema – le parole del vicepresidente Nedved -. La finale è ancora troppo lontana, negli ottavi di finale ti serve anche fortuna nei sorteggi, noi non l'abbiamo avuta ma abbiamo una squadra forte che può passare il turno ed è quello che proveremo a fare. Un derby per Ronaldo (22 reti all’Atletico in carriera)? Cristiano è l'uomo della Champions League, lo ha sempre dimostrato, ha fatto un sacco di gol ma non ci affideremo solo a lui, la squadra è forte e possiamo passare il turno. L'Atletico è molto equilibrato, molto difficile da affrontare, ha una difesa forte, è una squadra che gioca bassa, e sa dare fastidio con Griezmann, prevedo due sfide difficili, pochi gol e tanto equilibrio». 

Il Napoli ha tenuto il passo con il gol di Milik nel finale, ma la Juve in campionato sembra inarrestabile. «Credo che il nostro campionato sia allenante e anche tanto. Non ci piace perdere, avevamo prestabilito di passare il turno da primi, lo abbiamo fatto, non vedo quali critiche possiamo fare a squadra e allenatore. Abbiamo raggiunto gli obiettivi, perdere contro squadre forti può sempre capitare come contro il Manchester. Marotta e la juventinità? Non era una battuta ma un'affermazione. La Juve c'è stata prima di Marotta e ci sarà dopo, c'è stata prima di Nedved e ci sarà dopo. E’ una conferma. Ci sono due tipi di dirigenti e professionisti: alcuni possono andare in tutte le squadre, altri non andrebbero mai in squadre concorrenti». Ultimo aggiornamento: 13:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Animali in fila dal veterinario, l'attesa diventa una mostra

di Marco Pasqua