Juventus, Allegri: «Io come Mou? No, esco subito dal campo. Facciamo troppi regali»

Mercoledì 7 Novembre 2018
Massimiliano Allegri ha parlato dopo la sconfitta subìta in Champions contro il Manchester United. «Avrei mai reagito come Mourinho? No, io vado via subito dal campo per evitare reazioni... Mi arrabbio giusto con la mia squadra quando ogni tanto si addormenta. È una sconfitta che dispiace ma dobbiamo migliorare in fase realizzativa perché non riusciamo mai a chiudere le partite nelle grandi occasioni. In questo periodo regaliamo troppe punizioni, contro lo United l'unico modo per prendere gol era quello. La squadra comunque ha fatto bene, siamo ancora in testa al girone e abbiamo due partite che ci permettono di arrivare primi e di qualificarci. Col Manchester si può anche perdere, ma visto l'andamento in campo rimane un po' di amaro».

E ancora. «Da questa sconfitta bisogna rialzarsi subito. Abbiamo giocato una bella partita, ma se poi subisci gol non serve a niente giocare bene. Nel secondo tempo abbiamo avuto palle importanti, però nel calcio non si può sempre vincere, diciamo che abbiamo perso la partita meno importante. In questo momento bisogna stare sereni, continuare a giocare, era fondamentale qualificarci stasera ma non è capitato. Continueremo a lavorare e a pensare alle prossime partite, domenica abbiamo subito un'altra grande partita contro il Milan e quindi ci può fare anche bene».

«È una sconfitta inaspettata per quello che la squadra aveva fatto in campo ma che potrebbe risultare indolore. È un banco di prova per reazione che dovremo avere. Dobbiamo arrabbiarci per questa sconfitta e reagire subito. Questa sconfitta ci fa bene per domenica, con il Milan avremo una partita importante». Così Massimiliano Allegri, nella conferenza stampa dopo il primo ko stagionale dei bianconeri. «Non cambia niente, nel girone, o almeno, non dovrebbe cambiare niente. In un'andata e ritorno con il Manchester può capitare di vincerne una partita per uno per uno. Meglio mezzo passo falso questa sera, il destino del primo posto e il passaggio del turno è ancora nelle nostre mani».  Ultimo aggiornamento: 23:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma e i turisti ignoranti

di Pietro Piovani