La Virtus Roma guarda al futuro, presenta James White e lancia l'equity crowfunding

Venerdì 10 Gennaio 2020 di Marino Petrelli
James White nella conferenza di presentazione con coach Bucchi

La Virtus Roma si regala James White, ala piccola di grandissima esperienza a livello europeo, e lancia ufficialmente il progetto di equity crowfunding, con l'obiettivo di reperire fondi da un minimo di 500 mila euro fino a 2 milioni e 100 mila, ma anche di più a seconda della risposta dei tifosi e della città. Scatterà alla mezzanotte di oggi sulla piattaforma www.thebestequity.com fino al 28 febbraio e sarà "a disposizione della città di Roma, che ha bisogno di essere rimessa al centro dell'attenzione non solo dal punto di vista sportivo, ma anche negli investimenti e nella partecipazione", sottolinea Nicola Tolomei, direttore marketing della Virtus Roma. Che saluta l'ingresso di Impresit Lavori srl tra gli sponsor della società (sarà anche match sponsor di domenica prossima) e aggiunge: "Dobbiamo trovare soluzioni “sexy” per il nostro pubblico, non necessariamente i tifosi, ma per tutta la città. Non nego che altre società, anche non del mondo della pallacanestro, stanno guardando al nostro progetto con attenzione e curiosità, segno che lanciamo un'idea innovativa e speriamo vincente. Se non raccoglieremo almeno 500 mila euro restituiremo tutto a quanti hanno sottoscritto le quote".  

Il progetto, presentato nei suoi dettagli da Michele Costabile, professore ordinario di Management e marketing all'Università Luiss "Guido Carli" di Roma, prevede di fatto tre livelli di sottoscrizione, a salire a seconda delle possibilità economiche dei sottoscrittori che avranno numerosi benefit. In più, le società sportive godranno di un "entry level" di 1000 euro che permetterà poi di condividere l’esperienza con i giocatori e lo staff tecnico della Virtus, offrendo vantaggi per accedere al Pala eur e contribuendo anche alla loro attività sportiva. "Oggi la fan base della Virtus conta 42 mila followers sui social, vogliamo arrivare a 100 mila, andare incontro ai tifosi anche con un progetto di play ground in giro per la città e creare una Virtus Card che fidelizzi i tifosi nel corso degli anni - aggiunge Tolomei -.  Lavoro ogni giorno per portare sempre più gente al palazzo, anche se a questo deve contribuire la squadra con le vittorie e i risultati. Quando dissi che volevo 5 mila spettatori contro Brindisi qualcuno aveva storto il naso, domenica supereremo ancora i 7 mila e sarà aperto il terzo anello perchè la prevendita procede molto bene. Attualmente siamo al 30 per cento delle nostre potenzialità dal punto di vista del marketing, quando arriveremo almeno all'80 potrò dire di essere abbastanza soddisfatto"

Prevendita molto buona perchè domenica arriva a Roma la capolista Segafredo Bologna, "squadra costruita per vincere e senza punti deboli. Noi con White aggiungiamo qualità, pur sapendo che il giocatore è appena arrivato e dovrà inserirsi gradualmente. Pini si è bloccato per un problema alla schiena, ma per il resto stanno tutti bene - dice Piero Bucchi, allenatore della Virtus Roma -. Siamo in linea con i nostri programmi, ma la partita a Venezia mi sta molto sullo stomaco e sarà così per molto tempo. Con quella vittoria forse avremmo potuto centrare la Coppa Italia. Ripartiamo sapendo le nostre potenzialità e i nostri limiti. Alcune squadre come Brindisi, sassari e Brescia le abbiamo sofferte perchè hanno un atletismo diverso dal nostro. Con White aggiungiamo una rotazione importante in più, potrà giocare da tre o da quattro a seconda dei momenti e degli avversari, e cercheremo nel girone di ritorno di fare meglio, sapendo che noi abbiamo un gioco ben preciso e che ci sono le avversarie che si stanno rinforzando e cercheranno di alzare il livello nel momento cruciale della stagione". 

 

Ultimo aggiornamento: 18:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA