Taranto, seconda tappa del SailGP con catamarani volanti: da Jimmy Spithill a Checco Bruni, tanti i protagonisti di America's Cup

Taranto, seconda tappa del SailGP con catamarani volanti: da Jimmy Spithill a Checco Bruni, tanti i protagonisti di America's Cup
di Francesca Lodigiani
5 Minuti di Lettura

Il circo del Sail Grand Prix è arrivato in Italia, a Taranto, e da domani è di nuovo profumo di America’s Cup.

Sì perché sono molti i protagonisti della 36°America’s Cup di Auckland  imbarcati sugli otto F 50, catamarani volanti evoluzione di quelli della Coppa America del 2017, che corrono per la bandiera di Australia, Danimarca, Francia, Gran Bretagna, Giappone, Nuova Zelanda, Spagna e USA, anche se con regole di nazionalità per ora molto lasche.  

A partire dal co-timoniere di Luna Rossa Checco Bruni, che in questo circuito, per il vincitore del quale è in palio un milione di dollari,  corre come flight controller sulla barca giapponese insieme a vecchie conoscenze del calibro di Chris Draper(timoniere della Luna catamarano gigante di San Francisco  2017) e  Nathan Outerridge, timoniere  col quale  Checco corse  su Artemis alle Bermuda, nonché commentatore autorevole dell’ultima America’s Cup. 

Nessuno degli scafi in gara rappresenta l’Italia, ma a questa mancanza Bruni ha detto di star  lavorando in prima persona per la prossima edizione. 

Sull’ F 50  a stelle e strisce c’è  Jimmy Spithill,  che da compagno su Luna Rossa , nel SailGP di Bruni diventa  fiero avversario. Su quello neozelandese c’è  l’affiatata coppia vincitrice della 36° America’s Cup Peter Burling– Blair Tuke.Dalla barca che difende l’onore dell’Union Jack, vincitrice alla tappa d’esordio a Bermuda,  manca a Taranto Sir Ben Ainslie, a causa di impegni personali. Al suo posto conduce Paul Goodison, come molti dei partecipanti, vincitore di medaglie olimpiche. Una vecchia conoscenza, Tom Slingsby,  c’è anche al timone della barca australiana, vincitrice della prima edizione del Sail Grand Prix nel 2019. 

IL CIRCUITO SAILGP 

Sono 8 gli appuntamenti del 2° SailGP  2021 che torna dopo l’interruzione del 2020 causata dalla pandemia. L’esordio è stato  il 24 e 25 aprile scorso a Bermuda.  Ora il Circo, anticipato dai container con barche e attrezzatura, è a Taranto dove venerdì ci saranno regate di prova e poi si correrà le gare ufficiali sabato e domenica. Dopo Trapani  seguiranno le tappe di Plymouth in Inghilterra a luglio,  di Aarhus in Danimarca ad agosto,  di Saint Tropez a settembre, di Cadige a ottobre e di Christchurch in Nuova Zelanda e San Francisco a gennaio e e febbraio del 2021. 

I CATAMARANI FOILING F 50 E IL PERCORSO 

Gli F 50 sono  catamarani monotipo lunghi 15 metri e larghi 8.80 con ala rigida di oltre 20 metri. Rispetto alla Coppa America manca quindi la competizione progettuale e tecnologica. 

Il percorso sul quale si corre è uno stretto rettangolo virtuale  che ricorda quello della Coppa America, con la differenza che la partenza è col vento al traverso,  andatura velocissima, alla quale seguono i brevi lati di bolina e di poppa con passaggi a boe posizionate a cancello fino all’arrivo. Le regate sono velocissime, circa 15 minuti l’una, e le barche sviluppano velocità, che i telecronisti, per renderle più comprensibili al grande pubblico, citano in km all’ora. Si parla di velocità che raggiungono i 50 nodi, quasi 90 km/ora.  Frequenti gli incidenti. A Bermuda per una manovra troppo ravvicinata del team Giapponese (con il quale corre Bruni…), c’è stato un incidente con il team USA ( il cui timoniere è Spithill..), con scuffia degli americani, danni ai rispettivi  scafi, e conseguente ritiro dalla tappa di entrambi i team. 

A bordo degli F 50 in genere si corre in cinque. 

Tutte le tappe prevedono 6 regate e così sarà a Trapani. Gli 8 concorrenti  correranno 3 regate di flotta sabato e due domenica. I primi tre del tabellone si sfideranno, sempre domenica,  in una regata a 3 a loro riservata che permetterà al vincitore di guadagnare il titolo di vincitore di tappa e di incamerare più punti ai fini del tabellone generale. Al momento, dopo la prima tappa, la classifica vede in  testa la Gran Bretagna a 10 punti seguita da Australia, Francia, Spagna, Nuova Zelanda, Danimarca, Giappone e USA. 

STADIUM RACING E SPETTATORI

Il SailGP manda in onda un vero e proprio Stadium Racing, con il pubblico che può assistere pagando un biglietto su barche ormeggiate in posizioni più o meno previlegiate ai bordi del percorso,  a seconda del prezzo ( da € 34  a € 68). Oppure assiste a minor prezzo, davanti al megaschermo del villaggio ricreato in ogni location, nel caso di Taranto alla rotonda dei Marinai d’Italia sul lungomare. Una modalità diversa da quella alla quale sono abituati i velisti. Un evento pensato da Russell Coutts– tre Coppe America vinte negli ultimi  26 anni sotto tre differenti bandiere, ovvero  Emirates Team New Zealand,  Alinghi e  Oracle – per avvicinare alla vela  il grande pubblico. Una finalità evidente anche nei video promozionali, che puntano sull’adrenalina e in stile Formula 1, sulla velocità e  sugli incidenti, anche se in questo caso senza il pericolo di esplosione di carburante.  

LE DIRETTE IN TV E SUL WEB

Le regate saranno trasmesse in diretta, dalle 13.30, sabato e domenica su  Rai Sport e  Sky Sport. Sarà inoltre  possibile viverle anche  attraversi i canali YouTube e Facebook dell’organizzazione SailGP. 

Giovedì 3 Giugno 2021, 19:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA