Inaugurazione della stagione estiva del Costanzi: il Trovatore, glamour e hi-tech per lo show al Circo Massimo

Il Trovatore al Circo Massimo
di Simona Antonucci
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 16 Giugno 2021, 16:13

Nel cielo stellato del Circo Massimo si addensano le “nubi” del Trovatore. Un palco di 1.500 metri quadrati, nel rispetto delle norme anti-covid e uno schermo hi-tech con nuvole “d’autore”, per l’opera di Verdi (dirige il maestro Gatti, con la regia di Lorenzo Mariani) che questa sera inaugura la stagione estiva del Teatro dell’Opera: 26 appuntamenti, fino al 6 agosto, per mille spettatori che diventeranno 1.500 non appena sarà completato l’iter previsto dal decreto.

IL CAPO DELLO STATO

Un evento alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che sarà ricevuto dalla Sindaca di Roma Virginia Raggi e dal Sovrintendente Carlo Fuortes. «Siamo onorati che il Presidente partecipi all’evento», dice Fuortes, «la sua presenza significa molto per tutti noi in un momento così importante per gli spettacoli dal vivo». Ingresso con mascherine, posti distanziati, intervallo senza drink, prima senza brindisi, abiti da sera, flash dei fotografi, la macchina dello spettacolo dal vivo del Costanzi si rimette in moto, puntando al bis del successo dello scorsa estate, con 23mila spettatori e l’incasso di un milione di euro.

Lago dei Cigni

«Con questo calendario», aggiunge il sovrintendente, «diamo il nostro contributo per il ritorno alla normalità che non può prescindere dal bisogno di arte, cultura e socialità di tutti noi. Oltre alla nuova produzione del Trovatore, avremo Madama Butterfly e Bohème, il Lago dei Cigni, il ritorno dell’étoile Roberto Bolle, Capossela e il maestro Chung per la prima volta all’Opera di Roma». Il Circo Massimo, con la scena incorniciata dalle rovine del Palatino, «non rappresenta un addio a Caracalla. L’anno prossimo, sperando in una stagione estiva senza pandemia, torneremo nella nostra sede», continua il sovrintendente che ha annunciato il titolo che aprirà la prossima stagione lirica, un’opera commissionata al compositore Giorgio Battistelli, Julius Caesar. L’appuntamento culturale ha riacceso anche il carosello mondano. Tra gli ospiti, il ministro dell’Interno Lamorgese,  gli ambasciatori di Francia Masset, di Germania Elbling e di Spagna Dastis. E poi, il prefetto di Roma Piantedosi, il presidente Camera di Commercio Tagliavanti, la presidente di Acea Castelli, il presidente della Biennale di Venezia Cicutto, Roberto D’Agostino, De Cataldo, Vespa.

Trono di spade

Per il Trovatore (con cui Gatti completa la trilogia popolare verdiana), atmosfere gotiche del Trono di spade, un megaschermo («ci sono più pixel che fili d’erba», dice il regista) e un cast di rilievo. Per Manrico, Fabio Sartori e Piero Pretti. Roberta Mantegna sarà Leonora, Clémentine Margaine interpreterà Azucena, Christopher Maltman e Giovanni Meoni il Conte di Luna. Circo Massimo, oggi, ore 21. Repliche il 19, 24, 27 giugno, e il 4 e 6 luglio 

© RIPRODUZIONE RISERVATA