“L’Italia dei fotografi: 24 storie d’autore” in mostra dal 22 dicembre al nuovo Museo M9 di Mestre

Mercoledì 5 Dicembre 2018
Si intitola L’Italia dei fotografi. 24 storie d’autore, la prima mostra appositamente prodotta per il nuovo Museo M9 di Mestre dalla Casa dei Tre Oci – Civita Tre Venezie ed aperta da sabato 22 dicembre a domenica 16 giugno 2019. L’esposizione, curata da Denis Curti, propone oltre 230 immagini di formati diversi, a colori e in bianco e nero, scattate da 24 grandi fotografi italiani che raccontano il Paese nel corso del ’900, in una sorta di ideale continuazione con la narrazione multimediale della mostra permanente sul Ventesimo secolo e sulle sue trasformazioni ospitata nei primi due piani del Museo M9.

I fotografi presenti con i loro scatti sono Olivo Barbieri, Gabriele Basilico, Letizia Battaglia, Gianni Berengo Gardin, Carla Cerati, Luca Campigotto, Lisetta Carmi, Giovanni Chiaramonte, Mario Cresci, Mario De Biasi, Franco Fontana, Maurizio Galimberti, Arturo Ghergo, Luigi Ghirri, Mario Giacomelli, Francesco Jodice, Mimmo Jodice, Nino Migliori, Riccardo Moncalvo, Ugo Mulas, Fulvio Roiter, Ferdinando Scianna, Tazio Secchiaroli, Massimo Vitali, artisti che hanno saputo fissare nelle loro immagini storie del Novecento e che la mostra proposta nel Museo M9 trasforma in una vera e propria antologia di “letture visive”.

Ognuno degli artisti si propone, in questo senso, con uno specifico progetto: Letizia Battaglia, ad esempio, si presenta con la mafia a Palermo; Gianni Berengo Gardin - Morire di classe; Gabriele Basilico - Milano. Ritratti di Fabbriche 1978-1980; Lisetta Carmi - I travestiti; Franco Fontana - Inventare lo spazio; Arturo Ghergo - I divi dagli Anni Trenta agli Anni Cinquanta; Luigi Ghirri - Il profilo delle nuvole; Ferdinando Scianna - Feste religiose in Sicilia; Tazio Secchiaroli - Federico Fellini. L’esposizione è completata da un vasto archivio documentario dedicato agli autori, formato da una selezione di circa 100 libri in libera consultazione e da un ricco palinsesto di video-interviste e documentari. La mostra sarà inoltre accompagnata da un intenso programma di eventi collaterali.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Fare il vento è un modo di dire per dire che non si paga al ristorante

di Mauro Evangelisti