“Gotine rosse”, la bambina contadina di Giovanni Fattori da mercoledì 14 novembre a Villa Mimbelli a Livorno

Lunedì 12 Novembre 2018
La bambina è in viaggio. Il museo di Villa Mimbelli a Livorno si prepara ad accogliere Gotine rosse, il famoso ritratto di una bambina contadina dipinto da Giovanni Fattori. Il capolavoro del pittore macchiaiolo livornese, un olio su tavola del 1880, sarà presentato alla cittadinanza mercoledì 14 novembre e sarà in mostra a Villa Mimbelli fino al 24 marzo 2019 per concessione della Galleria D'Arte Moderna (Gam) di Torino dove l'opera è custodita. La presentazione avverrà mercoledì prossimo alle 17.30 durante uno speciale evento (con ingresso gratuito) in cui il quadro verrà estratto in diretta dalla cassa adibita al trasporto. Il prestito è il frutto di una collaborazione tra la stessa Gam e il Museo Giovanni Fattori di Livorno che, a sua volta, ha prestato a Torino tre opere della propria collezione civica (I novellieri del Decameron di Enrico Pollastrini, La Signora Martelli a Castiglioncello di Giovanni Fattori e Paesaggio con bovi di Serafino De Tivoli) entrate nel percorso espositivo della mostra «I Macchiaioli. Arte italiana verso la modernità» recentemente inaugurata. 

Gotine rosse sarà quindi a Livorno per quattro mesi andando ad arricchire la collezione civica museale. Sarà esposta a fianco di due importanti opere di proprietà del Museo Giovanni Fattori: Ritratto di contadina del 1880, che raffigura l'età adulta ed è caratterizzata da un elemento ricorrente nella produzione fattoriana coeva - lo scialle rosso - e il Ritratto della terza moglie del 1905 che ritrae Fanny Martinelli in età anziana, a soli tre anni dalla morte, e riprende alcuni stilemi dell'Autoritratto del 1894, come l'organizzazione dello spazio sulla base del sovrapporsi degli elementi di arredo. Il quadro della bambina contadina torna a Livorno a distanza di dieci anni: l'opera infatti fu esposta, sempre a Villa Mimbelli, in occasione della grande antologica del 2008 «Giovanni Fattori tra epopea e vero» che il Comune di Livorno organizzò nel centenario della morte del grande artista. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Fare il vento è un modo di dire per dire che non si paga al ristorante

di Mauro Evangelisti